Verolanuova, resti del 20enne Singh verso l‘India

Crudele il destino per il giovane che da un anno aveva preso la patente e in agosto sarebbe dovuto tornare al Paese per fidanzarsi e programmare le nozze.

Più informazioni su

(red.) Saranno rimpatriati in India, suo Paese d’origine, i resti di Kuldeep Singh, il 20enne morto lunedì 8 luglio nel tragico incidente stradale sulla provinciale 9 a Verolanuova. Residente da meno di un anno a Cadignano di Verolavecchia, aveva raggiunto un connazionale dopo essere arrivato in Italia con i genitori. Aveva trovato un impiego alla Saniplast di San Paolo dove quella mattina si stava recando prima di finire coinvolto nel tremendo frontale a bordo della sua Peugeot 306 contro un tir.

Aveva anche ottenuto la patente da circa un anno e in agosto sarebbe dovuto tornare in India per il fidanzamento e programmare le nozze prima del rientro in Italia. Ma il destino per lui ha voluto altro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.