Quantcast

Fondo per le vittime, petizione di Pezzullo

Il giovane aggredito nel 2010 con l'acido dall'ex fidanzata e dal complice, chiede al Governo di stanziare soldi se aguzzini non possono pagare.

Più informazioni su

Pezzullo(red.) Un fondo in denaro a favore delle vittime delle aggressioni nel caso in cui gli autori non siano nelle condizioni economiche per risarcire il danno subito. La richiesta arriva da William Pezzullo, il giovane bresciano di Travagliato sul quale l’ex fidanzata Elena Perotti e il complice Dario Bertelli avevano lanciato un secchio di acido il 22 settembre del 2010. Dal punto di vista giudiziario, Perotti e Bertelli sono stati condannati in via definitiva rispettivamente a 8 e 10 anni di reclusione e al risarcimento dei danni.
Denaro che non è mai arrivato alla vittima, disabile al 100% per aver perso un occhio e vederci male dall’altro. Per questo motivo, il giovane con l’aiuto della madre ha lanciato una petizione sul sito www.change.org per chiedere al Governo di istituire un fondo dedicato. Pezzullo chiede la sensibilità di tutti gli italiani per firmare un documento con cui attirare l’attenzione dell’esecutivo. La vittima, infatti, ha subito oltre venti interventi chirurgici dopo quell’episodio, ma non può contare sul risarcimento dei suoi aguzzini.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.