Quantcast

Brescia, “finto” morto disegnato in strada

Dopo la caduta di calcinacci venerdì 10 luglio in via Mazzini, qualcuno ha tracciato una sagoma di uomo a terra con dei fiori. Solo una provocazione?

Più informazioni su

Sagoma(red.) E’ un mistero la sagoma di un uomo tracciata col gesso sull’asfalto e corredata di fiori in via Mazzini a Brescia. Il problema è che sul posto non ci sono stati incidenti stradali, morti o agguati. Ma quella disegnata sembra essere stata una sorta di scenario come quelli tracciati dalle forze dell’ordine. E sono stati diversi i cittadini e turisti che domenica mattina 12 luglio sono rimasti incuriositi da quella scena. Ma il motivo potrebbe essere legato alla caduta di calcinacci sul marciapiede venerdì 10 luglio. Sul posto erano intervenuti i vigili del fuoco per rimuovere le pietre e mettere in sicurezza la zona.
Poi gli agenti di polizia locale avevano transennato la via per evitare il passaggio di auto e pedoni. La sagoma, quindi, potrebbe essere un gesto provocatorio per informare il Comune e i cittadini il pericolo di alcune zone dove si trovano edifici pericolanti. Lunedì 13 luglio la polizia valuterà le immagini riprese dalle telecamere di video sorveglianza sul posto per capire chi sia stato. Intanto il proprietario dello stabile da dove sono caduti i calcinacci farà arrivare i muratori per evitare altri pericoli.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.