Quantcast

Capriolo, “Zonizzazione acustica rende insonni”

Il piano varato dal comune venerdì ha assegnato alle aree produttive la classe 6 con valori di emissione massimi, nonostante in queste aree siano presenti abitazioni.

Più informazioni su

(red.) Il Consiglio Comunale di Capriolo (Brescia) ha votato venerdì 23 novembre il piano di zonizzazione acustica, assegnando alle aree produttive la classe 6 con valori di emissione massimi, nonostante in queste aree siano presenti abitazioni.
“Con il via al piano”, sottolinea quiPalazzolo, “gli impianti industriali di Capriolo potranno emettere sia di giorno sia di notte rumori con soglie molto alte e le famiglie confinanti, che già lamentano casi di superamento dei limiti consentiti, avranno sempre meno strumenti per opporsi al disturbo e ai danni provocati”.
“Cosa vuol dire vivere vicino a un impianto che fa rumore 24h/24h? Stare in casa propria, ma avere incessantemente il baccano di un motore che entra dai muri e rimbomba nelle orecchie. Lo stesso rumore che accompagna ogni attività del giorno e non permette di dormire la notte. Inutili gli appelli dei cittadini coinvolti al Sindaco Fabrizio Rigamonti, che in una fase iniziale prometteva di sostegno per la soluzione dei disagi, ma poi misteriosamente promuove un piano di zonizzazione acustica a loro svantaggio”.
Qualche giorno prima della votazione”, sottoline il giornale on line “il 20 novembre, Rigamonti dichiarava al Bresciaoggi: “[…]Nelle aree residenziali lo studio prevede un basso livello di decibel, in particolare di notte, per ridurre i rumori e favorire il riposo; nelle aree industriali invece – dove non dovrebbero esserci residenze – il livello sarà più alto per consentire il lavoro anche notturno.[…]”.
“Intanto”, prosegue quiPalazzolo, “i residenti della zona industriale sono già attivi per promuovere una petizione contro il piano di zonizzazione acustica approvato e si batteranno per difendere il loro diritto a poter condurre una vita normale e non a ritmo di macchina. Perché questo “[..]non dovrebbero esserci residenze[…]” suona proprio male”.

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.