Quantcast

Novecento firme contro i nuovi parcometri

I componenti del Comitato quartiere sicuro di viale Piave, via Galvani e via Galilei-Crocifissa ed alcuni commercianti hanno incontrato Bonardi.

(red.) Novecento firme contro i nuovi parcometri. I componenti del Comitato quartiere sicuro di viale Piave, via Galvani e via Galilei-Crocifissa ed alcuni commercianti del territorio mercoledì pomeriggio hanno incontrato presidente Flavio Bonardi e presentato le firme raccolte in soli nove giorni.
Al presidente – prima di chiedere come da regolamento la discussione della petizione in consiglio circoscrizionale e poi comunale – è stato domandato di redigere un accordo con Bresciamobilità ed il sindaco Adriano Paroli che preveda una serie di facilitazioni sia per i residenti che per i commercianti delle zone coinvolte.
I componenti del Comitato condividono la proposta del presidente Bonardi di disporre un abbonamento mensile di 10 euro per i residenti e di valutare una ulteriore convenzione a favore degli over 60 residenti in zona. “Abbiamo fatto inoltre presente”, si legge in una nota, “la disponibilità di alcuni esercizi commerciali a sostenere personalmente il costo di eventuali abbonamenti riservati ai clienti dei loro esercizi; ci auguriamo che le polemiche sterili e pretestuose abbiano a cessare, lasciando spazio ad un confronto costruttivo con cittadini e realtà territoriali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.