Quantcast

Gradimento, Paroli e Molgora in netto calo

Lo rivela un'indagine dell’Istituto Ipr Marketing, realizzata per Il Sole 24ore. Rispetto ai dati elettorali i due amministratori bresciani perdono oltre due punti.

(red.) Il sindaco di Brescia, Adriano Paroli, perde consensi. Il presidente della Provincia Daniele Molgora, pure, proprio come Roberto Formigoni, governatore della regione Lombardia. Lo rivela il sondaggio annuale dell’Istituto Ipr Marketing, che ha realizzato anche quest’anno un’indagine per Il Sole 24 Ore sul consenso agli amministratori locali.
Secondo i dati resi noti dal quotidiano di Confindustria, il primo cittadino della Leonessa, ha chiuso la graduatoria del gradimento dei sindaci di capoluogo al all’87esimo posto con il 49% dei consensi, registrando un meno 4% rispetto al 2010 e un meno 2,5% rispetto a quando fu eletto nel 2008. Nella categoria il numero uno è Luigi De Magistris, da Napoli, con il 70% dei consensi, cresciuto di quasi cinque punti percentuali rispetto  alle preferenze raccolte nelle elezioni. Al secondo posto, con il 66%, Massimo Zedda, sindaco di Cagliari (+6,6% rispetto ai voti amministrativi). Al terzo posto (65% delle preferenze), Michele Emiliano (Bari), Flavio Tosi, da Verona, e Vincenzo De Luca, Salerno.
Per le Province, invece, il numero uno del Broletto, Daniele Molgora, ha chiuso la classifica al 69esimo posto, con il 53% dei consensi, in aumento di un punto percentuale rispetto al 2010 ma in calo del 2,7% rispetto a quando fu eletto nel 2009. In questa categoria di Governance Poll al primo posto si trova Giovanni Francesco Antoci, Ragusa, con il 67% (+7% sul 2010 e +1,6% sulle elezioni scorse), seguito da Dario Galli, Varese, giunto al 66% (+6% sul 2010 e + 1,9% sulle elezioni). Sul gradino più basso del podio Domenico Zinzi, Caserta, 65% (+1%; +06%).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.