Quantcast

Come avviare la tua azienda: alcuni trucchi per essere vincente

Più informazioni su

    (red.) Hai deciso di metterti in proprio e realizzare il sogno di una vita? Hai un’idea imprenditoriale da intraprendere come business secondario? Che tu sia un imprenditore navigato o alle prime armi, la decisione di mettere su un’azienda propria è sempre un passo importante. In questo articolo vedremo insieme quali sono i primi passaggi fondamentali per cominciare una nuova avventura imprenditoriale.

     

    Come scegliere il settore
    La prima cosa da fare per avviare la tua impresa è scegliere un settore, prodotto o servizio da vendere. Se stai leggendo questo articolo, probabilmente avrai già un’idea abbastanza chiara in mente, ma è importante validare la tua idea seguendo alcuni suggerimenti utili:

    • Analizza il mercato. Le idee vincenti sono quelle che anticipano i trend e rispondono alle esigenze dei clienti. Studia il settore di tuo interesse per capire se ha un potenziale a breve o a lungo termine. Un parametro da prendere in considerazione è la possibilità di offrire acquisti ripetuti o fare up-selling e cross-selling per aumentare il valore di ogni singolo cliente.

    • Valuta la concorrenza. Per comprendere quanto il tuo business potrà avere successo è importante conoscere la concorrenza.  È un settore molto competitivo? C’è un solo grande competitor che domina il mercato? Come posizionare il tuo marchio rispetto alle aziende concorrenti? Sono tutte domande che richiedono una risposta.

    • Consulta le regolamentazioni vigenti. Alcuni prodotti sono soggetti a particolari regolamentazioni o restrizioni in certi paesi. Se intendi vendere certe categorie di prodotti o vuoi importare dall’estero la tua merce, verifica prima quali sono le regole a cui dovrai rispondere.

    • Verifica l’interesse dei consumatori. Per quanto la tua idea possa sembrarti vincente, è bene farsi una domanda cruciale: i clienti pagheranno per questo prodotto/servizio? Per rispondere e capire se la tua offerta incontra la richiesta del pubblico puoi avviare una campagna di prevendita, lanciare un progetto su Kickstarter o cominciare a vendere il tuo prodotto di persona.

    Come scegliere il nome del marchio
    Una volta individuata e validata la tua idea di business, è il momento di dare un nome alla tua azienda.
    Scegliere il nome per un brand non è immediato: si tratta dell’identità stessa del marchio ed è importante che sia in linea con vision e mission aziendali.
    Il nome del marchio può essere un termine di fantasia o qualcosa che richiama il tipo di attività a cui si riferisce.
    Come procedere? Per cominciare, puoi utilizzare un name generator online.
    Metti per iscritto alcune idee di base giocando con le parole e i concetti che ruotano attorno alla tua nicchia di mercato; dopodiché seleziona le idee migliori in base ai seguenti parametri:

    • Semplicità. Vuoi che il nome della tua azienda sia facile da ricordare per il pubblico: evita termini complicati o difficili da pronunciare e preferisci qualcosa di semplice e immediato.

    • Brevità. Secondo lo stesso principio di memorabilità, un nome breve è più facile da ricordare rispetto a uno più lungo; inoltre è più semplice da utilizzare in un logo da stampare ovunque tu voglia!

    • Originalità. Distinguiti dalla concorrenza. Analizza i nomi dei tuoi principali competitor e pensa a qualcosa di originale che possa farti distinguere e notare.

    • Unicità. Assicurati che il nome scelto non sia uguale o troppo simile a quello di un’altra azienda, soprattutto se nella tua stessa nicchia di mercato.

    Quando hai selezionato un paio di opzioni che ti soddisfano, ti consigliamo due ulteriori step per prendere la decisione finale:

    • Sottoponi le tue opzioni a parenti e amici e stila una classifica. Puoi anche valutare di fare un sondaggio.

    • Verifica che non ci siano altri marchi registrati nel tuo paese o domini internet con lo stesso nome scelto per il tuo brand. 

      avviare la tua azienda

    Come scrivere un business plan
    Adesso che la tua idea comincia a prendere forma, è arrivato il momento di mettere nero su bianco il tuo progetto tramite un business plan.
    Se ti stai chiedendo a cosa serve un business plan e perché dovresti scriverne uno per la tua nuova azienda, ecco alcuni motivi:

    • Ti aiuta a concretizzare. Finora hai messo insieme idee e progetti; mettere tutto per iscritto è un metodo semplice ma efficace per rendere tutto più reale e far emergere aspetti pratici che potresti non aver considerato nella giusta prospettiva.

    • Accosta numeri alle idee. Pianifica il budget necessario al lancio del tuo prodotto o servizio, includendo i costi necessari a fare pubblicità al tuo nuovo marchio. Un metodo economico ed efficace è quello di stampare il tuo logo nuovo di zecca su materiale promozionale da distribuire al pubblico e usare buste di carta personalizzate con il nome dell’azienda per la vendita dei tuoi prodotti. Puoi personalizzare i tuoi sacchetti di carta personalizzati su National Pen.

    • Serve a pianificare i prossimi step. Avere un piano a lungo termine è utile a programmare le azioni da intraprendere nelle diverse fasi del tuo percorso, dal lancio alle diverse fasi di crescita.

    • Chiarisce i tuoi obiettivi e come raggiungerli. Cosa vuoi realizzare nei prossimi tre mesi? E quali traguardi vuoi raggiungere in 1 o 3 anni? Definisci i tuoi obiettivi primari e secondari e con quali strategie e strumenti intendi supportarli. Non preoccuparti se non hai subito tutte le risposte: l’importante è porsi le giuste domande su cui riflettere.

    Se non sai da dove cominciare per scrivere il tuo business plan, usa un template. Cercando online avrai solo l’imbarazzo della scelta: adatta il template alle tue esigenze e personalizzalo con tutti i dettagli.

    Adesso che hai un’idea, un nome e un piano d’azione, non ti resta che lanciare la tua azienda sul mercato e metterti al lavoro!

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.