Quantcast

Multe a Paroli, la parodia impazza sul web

Su Facebook la pagina "Più o meno Brescia?" in cui si ironizza sulla campagna elettorale del sindaco utilizzando fotomontaggi di diverse locandine di film.

(red.) Fantasia e sarcasmo al potere. Sul web e, soprattutto, nel caso specifico, sul social network Facebook.
Creata qualche giorno fa, subito dopo l’emergere dell’affaire multe a Palazzo Loggia (le sanzioni per eccesso di velocità e mancata notifica del conducente contestate da Equitalia alle auto blu del Comune di Brescia per 21mila euro), la pagina satirica “Più o meno Brescia?” (che richiama la campagna elettorale del sindaco in città) raccoglie una serie di immagini ironiche che raffigurano il sindaco Adriano Paroli, ma anche altri membri della Giunta bresciana, in svariate vesti.
I fotomontaggi rappresentano, ad esempio, il sindaco in versione Michael J. Fox con l’auto di Ritorno al futuro, ma i volti di Paroli e degli assessori Mario Labolani (Lavori Pubblici) e Arcai (Cultura) appaiono anche sulla locandina di Fast & Furious.
Una staffilata al primo cittadino viene assestata anche con la foto che ritrae una casa stregata e immersa nella nebbia su cui campeggia la scritta: “Adriano Paroli- Gli Invisibili- Il segreto di Matisse”, con riferimento (non velato) alla vicenda dei biglietti gonfiati da Artematica per una delle grandi mostre a Santa Giulia. Riferimento ancora alla stessa vicenda nella foto in cui si vede la figura in primo piano di Andrea Arcai al centro della locandina del film “Una notte al museo- Il mistero dei biglietti scomparsi”. Accanto, in piccolo, i volti di diversi assessori ritratti in varie vesti.
Non manca nemmeno il link ad un video con una canzone definita dagli internauti “il nuovo inno della campagna (elettorale, ndr.) di Paroli”. Si tratta di Manowar-Wheels of fire” , ovvero: “cerchi di fuoco” (in riferimento allo sfrecciare delle vetture del comune sulle autostrade). Ma anche, sempre in tema di quattro ruote, il fotomontaggio che ritrae Paroli come uno dei protagonisti del film con Sandra Bullock “Speed”. Didascalia apposta all’icona: “Ci dicono che sia la fotografia dell’autovelox…”.
La pagine Facebook (di cui non si conosce l’autore) ha ottenuto, per il momento, 192 “Mi piace”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.