Palazzo Lombardia, il più bello d’Europa

Da Chicago, il titolo di miglior edificio alto per il 2012. E giovedì potrebbe arrivare anche il riconoscimento mondiale. Formigoni: "E' stato un ottimo investimento".

(red.) “La creazione di Palazzo Lombardia è qualcosa di importante dal punto di vista simbolico.
Il fatto che Chicago, l’unica vera grande città degli Stati Uniti, tenga a battesimo questo grattacielo non è soltanto un augurio ma anche la prova che Milano è più vicina a Chicago di quanto non siano Parigi e Londra”. E’ il professore Gillo Dorfles – 102 anni, critico d’arte, pittore e filosofo di fama mondiale – a sottolineare l’importanza del riconoscimento assegnato alla sede di Regione Lombardia: Palazzo Lombardia  è stato insignito del titolo di miglior edificio alto costruito in Europa per il 2012 dal Council of Tall Buildings and Urban Habitats (CTBUH) di Chicago.
“E’ la prima volta”, ha rimarcato il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, nel corso della lectio magistralis tenuta nel Palazzo da Dorfles e dal professor Italo Rota, “che l’Italia entra in questa classifica mondiale, aggiudicandosi il primo posto nella sezione Europa”.
Giovedì 18 ottobre Palazzo Lombardia concorrerà anche alla palma di miglior edificio al mondo assieme ad altri tre edifici risultati essere i migliori, rispettivamente, nel continente americano (Missisauga, Canada), in Australia (Sydney) e nel Medio Oriente (Doha e Abu Dabi). La cerimonia di premiazione si svolgerà all’Illinois Institute of Technology promossa da CTBUH, organizzazione internazionale non-profit fondata nel 1969.
Per tutti i lombardi, compresi dunque anche i bresciani, il prestigioso riconoscimento è un motivo di orgoglio. Design, innovazione e sostenibilità sono le caratteristiche che hanno fatto meritare al Palazzo la palma di migliore grattacielo d’Europa. La sfida lanciata con il manifesto pubblicato nel 2002, contenente gli obiettivi di edificazione di Palazzo Lombardia, è stata vinta: la nuova sede ha permesso a Regione Lombardia di accogliere i quasi 3.000 dipendenti regionali in un unico edificio di sua proprietà, “mentre fino al 2010 gli uffici regionali erano dislocati in 31 sedi, distribuite in vari punti della città”.
Fu, dunque, “un ottimo investimento, una vera operazione di risparmio, di oltre 6 milioni di euro all’anno: 27 milioni di euro di affitto per le sedi contro i 21 milioni di mutuo all’anno per il nuovo edificio”, ha ricordato Formigoni. E, nella sua bellezza, il Palazzo è anche “una prova di efficienza che nessuna altra Amministrazione ha mai realizzato in Italia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.