Gambero Rosso, 16 locali bresciani a due forchette

Nella classifica regionale della celebre guida gastronomica, la Leonessa occupa una postazione di tutto rilievo. Al vertice (ancora) il Miramonti l'Altro di Concesio.

Più informazioni su

(red.) E’ ancora “Il Miramonti L’Altro” di Concesio (Brescia) al top nella classifica dei migliori ristoranti stilata dal Gambero Rosso di Milano per l’edizione 2013 della celebre guida enogastronomica.
Il volume si intitola “Milano Gambero Rosso 2013” e ha preso in esame non solo i locali meneghini ma anche quelli di tutta la Lombardia.
Ai primi tre posti siedono Villa Crespi di Orta San Giulio (Novara), Da Vittorio di Brusaporto (Bergamo) e Dal Pescatore a Canneto sull´Oglio (Mantova), che hanno ottenuto il massimo riconoscimento, ovvero le Tre forchette.
Sedici i locali bresciani che appaiono nella guida “regionale” (quella nazionale è attesa per ottobre) e che si sono guadagnati Due forchette:il Miramonti L´Altro, appunto, con 89 punti (quarto nella classifica complessiva), seguito, ad un solo punto di scarto, da il Gambero di Calvisano. Tra i “best” anche Villa Fiordaliso a Gardone (86 punti), Villa Feltrinelli di Gargnano (85 punti), e gli emergenti Rolly di Manerba (82 punti), l´Esplanade di Desenzano (84), il Due Colombe di Borgonato (82). Per la sezione “trattorie”, la Leonessa piazza ben due locali (su cinque) che hanno ottenuto i Tre gamberi,: La Madia di Brione e l´Osteria della Villetta dal 1900 di Palazzolo.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.