Quantcast

Olimpiadi, un po’ di Brescia negli stadi

La Metra di Rodengo Saiano ha fornito l'alluminio per le tribune smontabili dei Giochi Olimpici di Londra 2012. Una commessa da 3,7 mln di euro.

Più informazioni su

(red.) Sono bresciane e con un cuore ecologico e “light” le tribune smontabili in alluminio con struttura autoportante consegnate a Londra per i Giochi Olimpici. A fornire è l’azienda bresciana Metra, che ha ottenuto una commissione “olimpionica” da 3,7 milioni di euro ricevuta dalla Slick seating systems, società inglese specializzata nella realizzazione di stadi temporanei.
La gara è stata vinta all’inizio dell’anno ed è quindi partita la corsa contro il tempo da parte della ditta per rispettare le date di consegna.
In tutto la fornitura ammonta a 600 tonnellate di profilati strutturali, leggeri, resistenti alle intemperie, con un sistema di montaggio rapido.
Dopo le Olimpiadi verranno smontati e saranno riutilizzabili e, una volta giunte a fine vita potranno essere completamente riciclate e rimmesse nel ciclo produttivo.
Sempre “made in Brescia” è anche il “Tube”, che, per lacune linee di collegamento con gli stadi olimpici è stato realizzato con kit di alluminio “nostrano”. Realizzata anche una nuova linea della metropolitana che porta sempre la firma della azienda di Rodengo Saiano.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.