Restituito ai proprietari il quadro del Romanino

Il 'Cristo porta croce' era stato sequestrato negli Stati Uniti perchè sospettato di essere stato trafugato dai nazisti durante la Seconda Guerra mondiale.

Più informazioni su

(red.)  Il ‘Cristo porta croce trascinato da un manigoldo’ torna nella mani dei legittimi proprietari.
Il dipinto, opera nel 1538 di Girolamo Romano di Brescia, detto il Romanino, era stato sequestrato dalla polizia doganale degli Stati Uniti perchè sospettato di essere stato trafugato dai nazisti durante la Seconda Guerra mondiale e, ora, la restituzione mette fine ad una saga durata 15 anni.
Si tratta di una vicenda che ha visto coinvolte autorità internazionali nel tentativo di riportare il quadro nelle giuste mani. Il Cristo è di proprietà della famiglia Gentili, di origini ebree, emigrata in Francia durante la Seconda Guerra Mondiale per sfuggire ai nazisti.
A riconoscere il quadro è stato uno dei discendenti, che lo aveva visto esposto in una mostra sul Barocco al Mary Brogan Museum di Tallahassee, in Florida, dietro prestito della Pinacoteca di Brera, dal 1998 proprietaria dell’opera del 16esimo secolo.
Dietro segnalazione di un impiegato della casa d’aste Christie’s, l’Interpol aveva messo sotto sequestro l’opera con il sospetto che fosse stata rubata. Dopo il provvedimento il quadro è stato portato in una località segreta e tenuto in custodia fino a che non si fosse risolta la disputa.
Il quadro del Romanino è solo una delle migliaia di opere d’arte rubate alle famiglie ebree durante le persecuzioni naziste ed è uno degli oltre 2500 capolavori che il governo americano dal 2007 si è impegnato a restituire ai 23 Paesi dai quali sono stati trafugati.
Lionel Salem, nipote di Francesco Gentili, ha detto che il quadro sarà messo all’asta da Christie’s a New York il prossimo sei giugno. E’ stimato due milioni e mezzo di dollari. La famiglia ha deciso di vendere il quadro perché è di proprietà di sei persone. “Una torta”, ha commentato Salem, “è facile da tagliare in parti uguali. E’ più difficile invece per un dipinto”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.