Quantcast

Patrimonio culturale, bando da 10 milioni di euro

Lo mette a disposizione la Regione per tutti i comuni lombardi. Si tratta di un contributo a fondo perduto, nella misura del 100% di quanto richiesto.

(red.) Sono oltre 10 i milioni di euro, destinati ai Comuni e più in generale a tutte le Amministrazioni locali, per interventi che puntano sulla valorizzazione del patrimonio pubblico lombardo, che rivesta interesse culturale o che ospiti attività culturali, quale incentivo agli investimenti per la ripresa economica.
È quanto prevede un nuovo bando di Regione Lombardia, che rientra nel ‘Piano Lombardia’ 2021 – 2022.

All’appello per presentare le domande, dal 18 ottobre al 13 gennaio 2022, anche le realtà pubbliche del bresciano che possono inviare le richieste  di partecipazione nell’area www.bandi.regione.lombardia.it.

Si tratta di un contributo a fondo perduto per la valorizzazione del patrimonio culturale lombardo nella misura del 100% di quanto richiesto. L’importo dei singoli progetti dovrà essere compreso tra 200.000 e 1.000.000 di euro. Le amministrazioni potranno anche prevedere una forma di cofinanziamento.

“Con questo intervento Regione Lombardia – ha evidenziato l’assessore regionale all’Autonomia e Cultura, Stefano Bruno Galli– intende valorizzare il patrimonio culturale, i luoghi e gli istituti culturali, gli itinerari culturali riconosciuti, ma anche le sale dedicate allo spettacolo, le sale polivalenti per uso culturale, gli spazi di proprietà pubblica per l’ospitalità degli artisti. Si tratta di un bando che ci consentirà, terminati i lavori, di esaltare ulteriormente la ricchezza e il valore dell’immenso patrimonio culturale lombardo. L’obiettivo è quello di fare leva sulle iniziative culturali allo scopo di ricostruire la socialità disgregata dalla pandemia e dai lockdown”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.