Quantcast

Con Librixia le bellezze di Brescia a Firenze Books

Presentata nel capoluogo toscano l’esperienza del festival appena concluso e del mondo dell’artigianato con uno speciale “Dopo Librixia” e il libro “Brescia. Bellezza Sorprendente”.

(red.) Trasferta fiorentina per Librixia – Fiera del Libro di Brescia per portare a Firenze Books, negli spazi della Manifattura Tabacchi, l’esperienza del festival appena concluso e del mondo dell’artigianato e delle bellezze di Brescia in uno speciale Dopo Librixia con la presentazione del libro “Brescia. Bellezza Sorprendente”. Un accordo di rete quello tra le due Confartigianato – quella bresciana che organizza Librixia tramite Ancos e quella fiorentina che si occupa di Firenze Books – che permetterà tra l’altro, grazie al coinvolgimento di Fondazione Brescia Musei, a tutti i partecipanti di Firenze Books di ricevere un biglietto per ingressi ridotti ai musei della nostra città e, viceversa, per i visitatori di Librixia che hanno assistito ad almeno un incontro del palinsesto 2021 per i musei fiorentini.

A fare gli onori di casa il presidente di Confartigianato Firenze Alessandro Sorani e la vicesindaca di Firenze Alessia Bettini che in compagnia di Eugenio Massetti, presidente di Confartigianato Brescia e Lombardia hanno presentato la pubblicazione che si propone come un viaggio alla scoperta di Brescia, con l’intento di mostrarne le bellezze sorprendenti, per un città, la nostra, ricchissima di arte e di testimonianze storiche, unica nella sua identità particolarissima, posta a mezzo tra Lombardia e Veneto, tra Milano e Venezia, tra montagna e pianura.

“Quest’anno Librixia, alla sua ottava edizione col nuovo format, si è presentata con molte novità e numeri da record”, ha detto Massetti. “Un palinsesto ricchissimo – oltre 110 incontri – che ha spaziato dalla poesia, all’arte, dalle scienze allo sport, dalla politica all’attualità, aprendo spazi di lettura per i più piccoli e andando ad animare nuovi luoghi della città. Un cammino che intende arrivare al 2023 per organizzare una manifestazione speciale nell’anno che vedrà Brescia e Bergamo Capitali della Cultura. Abbiamo costruito una rete che intendiamo allargare tra due festival letterari in crescita: Brescia e Firenze, un ponte all’insegna della cultura e della valorizzazione territoriale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.