Lunedì i tre sindaci (Brescia, Bergamo, Cremona) sul palco di Villachiara

(red.) Importante reunion il 12 luglio, voluta dal Festival “Filosofi lungo l’Oglio”, che vedrà insieme i sindaci dei comuni di Brescia, Bergamo e Cremona che hanno creduto nella realizzazione della XVI edizione quasi fosse un laboratorio di idee in preparazione del 2023, anno in cui le città di Brescia e di Bergamo saranno capitali della cultura.
L’appuntamento dal titolo “Ripartire insieme” è previsto per lunedì 12 luglio alle ore 21.00 all’azienda Le Vittorie di Villachiara (Bs). A parlare ci saranno: il sindaco di Brescia Emilio Del Bono, il sindaco di Bergamo Giorgio Gori e il sindaco di Cremona Gianluca Galimberti, le tre province che ospitato annualmente il festival.

Emilio Del Bono

Alla serata saranno presenti anche Stefano Simeone vice prefetto di Brescia, Luca Burgazzi assessore alla Cultura di Cremona, Samuele Alghisi presidente della Provincia di Brescia, da sempre sostenitore del festival, Tino Bino commercialista e esperto di arte e di paesaggio e autore del volume: Lo spaesamento. Appunti per non dimenticare i giorni del coronavirus (La Quadra 2020), Gian Antonio Girelli presidente della Commissione d’inchiesta all’emergenza Covid-19 in Lombardia, Pietro Severo Micheli medico in prima linea per il Covid-19 e Marco Ermentini vice presidente della Fondazione Filosofi Lungo l’Oglio e fondatore della Shy Architecture Association che raggruppa il movimento per l’architettura timida. Con loro Francesca Nodari direttore scientifico del Festival. A moderare l’incontro il giornalista e saggista Tonino Zana.

Giorgio Gori

Tra il pubblico ci sarà un nutrito gruppo del nucleo infermieristico del Distretto di Orzinuovi e rappresentanti della Croce verde di Orzinuovi che sono stati in prima linea per superare l’emergenza da Covid-19 affiancando i medici, con abnegazione, impegno e coraggio. Saranno presenti anche Maria Laura Bonfiglio sindaco di Villachiara e il maggiore Tedros Christian Comitti Berè comandante della Compagnia dei Carabinieri di Verolanuova.

Gianluca Galimberti

In concomitanza con l’evento, l’associazione Rete Di Daphne – Progetto Aria (Attivazione Rete Inter-istituzionale Antiviolenza) proporrà un reading Eco di Donne legato al tema della violenza sulle donne: poesie lette da adolescenti, da donne di diverse età per sottolineare come la violenza non risparmi nessuna, a significare la trasversalità del tema della violenza. Le letture saranno accompagnate dalla chitarra di Eva Frosio, musicista orceana. Durante la serata saranno esposte alcune opere della pittrice Luisa Monella, soncinese, che ha arricchito con i suoi quadri la pubblicazione della raccolta di poesie.
La serata sarà ad ingresso libero, senza necessità di prenotazione, e si potrà accedere fino a esaurimento posti, nel rispetto delle normative anti-Covid. Per maggiori informazioni il sito: www.filosofilungologlio.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.