Chiari, la microeditoria rinasce e si rilancia sul web

Un'edizione speciale, coronata dal riconoscimento di Chiari quale CAPITALE DEL LIBRO 2020.

(red.) “La Microeditoria come non l’avete mai vista” recitava lo scorso comunicato stampa. Ed in effetti mai previsione fu azzeccata. A seguito dell’ultimo DPCM, per ovvie ragioni l’intera manifestazione avverrà via web con l’ausilio delle nuove tecnologie e con varie dirette streaming. Un’edizione speciale, resa ancor più dallo spirito che anima questo diciottesimo anno di vita, coronato dal riconoscimento di Chiari quale CAPITALE DEL LIBRO 2020.

Un’ulteriore conferma di come sia ancora più importante investire nella cultura ed avvicinare le persone alla lettura, alla scoperta di quei piccoli editori e scrittori che tanto brigano per dare al mondo una visione personale dell’esistenza, in tutte le sue sfaccettature. MADRETERRA è il fil rouge deciso dal comitato scientifico in cui figurano, tra gli altri, Massimo Bray, Gabriele Archetti, Giangiacomo Schiavi, Claudio Baroni, Paolo Aresi. “Ognuno è ciò di cui si prende cura” recita il sottotitolo ed è un ottimo viatico per scoprire il momento magico che da qualche giorno aleggia su Chiari e che vede tutta la città in fermento per il prossimo avvicinarsi della rassegna, seppur da remoto. La cultura non si ferma e trova spazio in tutto il palinsesto, confermato in toto (a parte l’Archeocaccia e il laboratorio filosofico) e che, declinato nella sua forma “totally digital” permetterà alla Microeditoria di raggiungere nuovi pubblici e potenzialmente tutta l’Italia.

“Paradossalmente ci si presenta un’occasione unica, ovvero quella di sperimentare nuove frontiere del fare cultura con un coinvolgimento indiretto ma non per questo meno incisivo. Gli strumenti digitali ci consentono di recuperare dunque una dimensione globale e al tempo stesso di aggiornare le tradizionali modalità di interazione con il pubblico (che in futuro verranno affiancate a quelle digitali), sia quello più affezionato, sia quello nuovo e che non vediamo l’ora di conoscere” Così Daniela Mena, Direttrice della Microeditoria a suggello della programmazione prevista dal 13 al 15 novembre 2020.

Il palinsesto, completamente in streaming, è confermato in tutti i suoi incontri. Programma, e cartella stampa sono disponibili sul sito www.microeditoria.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.