Chiari nominata dal Governo Capitale italiana del libro del 2020

La città bresciana è la prima in Italia a fregiarsi del titolo definito con una legge approvata lo scorso febbraio.

(red.) Ogni anno da diciassette anni – dal 13 novembre sarà il diciottesimo – la sua Villa Mazzotti ospita la partecipata rassegna di Microeditoria. Ma può contare anche su altre iniziative e un patrimonio culturale importante. Ieri, domenica 18 ottobre, il Consiglio dei Ministri ha dichiarato Chiari, nel bresciano, Capitale italiana del libro 2020 superando anche città più rinomate come Firenze. Ma quest’anno, visto anche il periodo di emergenza sanitaria, non c’è stato alcun bando di gara e così il Governo ha dato il conferimento alla città bresciana su proposta del ministro dei Beni e delle Attività culturali e del turismo Dario Franceschini sulla base del dossier presentato dal Comune. Con la soddisfazione del sindaco Massimo Vizzardi.

Un riconoscimento che porterà in dote al Comune anche 500 mila euro per progetti di promozione del libro. Tra l’altro, Chiari è la prima città italiana ad assumere il titolo di Capitale italiana del libro istituita solo lo scorso febbraio. A questo si aggiunge il fatto che dal 2017 la cittadina è stata anche denominata come “Chiari città che legge”. “Conferire il titolo a Chiari è il giusto riconoscimento alla microeditoria e alla produzione degli editori indipendenti che in questa città trovano da 18 anni una importante Rassegna di scambio e promozione che sarà organizzata anche quest’anno, dal 13 al 15 novembre, in una edizione rispettosa dei protocolli sanitari. Questo riconoscimento – ha detto il ministro Franceschini – arriva in un anno particolare e in un territorio fortemente colpito dalla pandemia in cui, ora più che mai, è giusto rafforzare il sostegno al settore del libro. Nei mesi più duri del lockdown, Chiari ha trovato proprio nella lettura, compiuta attraverso i canali social dell’amministrazione, uno degli strumenti per sostenere la comunità. Ora questa esperienza può diventare un modello“.

Una direzione che tiene conto dell’impegno costante dell’Amministrazione a rivestire il ruolo di coordinatore attivo delle numerose iniziative e realtà territoriali impegnate nella promozione della lettura, ponendosi nel tessuto cittadino come efficace strumento di cooperazione e promotore di sinergie e patti culturali di cui tutto il territorio possa beneficiare. Le proposte culturali promosse dalla cittadina – scrive il Comune – che è ricca di realtà ed eventi che hanno come scopo la diffusione dell’abitudine alla lettura, l’aumento del numero dei lettori, la promozione della frequenza delle biblioteche.

La Biblioteca comunale Fausto Sabeo di Chiari che in quanto sede anche dell’Ufficio Cultura e del Sistema bibliotecario Sud Ovest Bresciano svolge una funzione di interconnessione e focalizzazione sul libro e la lettura di tutte le attività che è possibile collegare al libro. Le iniziative promosse durante i mesi del lockdown, come #Iorestoacasa ma #Laculturanonsiferma che sono state anche un’occasione per far conoscere ai clarensi tutte le attività che il nostro territorio offre.

La Rassegna della Microeditoria, giunta nel 2020 alla sua 18° edizione. La Microeditoria è da sempre terreno fertile per collaborazioni e contaminazioni tra enti e associazioni e non di meno con il tessuto commerciale del centro storico della città, scenario nel quale l’Amministrazione comunale gioca il ruolo fondamentale di collante e di coordinatore delle varie proposte e realtà coinvolte, proponendo inoltre proprie iniziative. Infine, la Biblioteca morcelliana, da due secoli presente e attiva sul territorio per lo studio delle opere più rare e preziose, che negli ultimi anni è possibile consultare grazie alla progressiva digitalizzazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.