Alto Garda, riaprono il MuSa di Salò e il teatro al Vittoriale foto

Nei fine settimana riapre il museo civico di Salò. Il 4 luglio si inaugura il teatro a Gardone Riviera dopo i lavori.

(red.) Sull’alto lago di Garda inizia una stagione di nuove riaperture anche sul fronte culturale. Si parla dal MuSa, il museo civico di Salò che dopo sei mesi di chiusura riapre nei fine settimana fino al 10 gennaio il venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 18 con l’obbligo di prenotazione su museodisalo.it. Si potrà entrare solo indossando la mascherina e i visitatori saranno divisi in gruppi di cinque e con una visita guidata.

Le grandi mostre d’arte saranno rinviate, quindi si punterà sugli allestimenti locali tra i reperti di Giovan Battista Rini e le “mummie di Salò”, il Museo del Nastro Azzurro, la nuova esposizione dedicata al disegno e la nuova mostra temporanea “Carte scritte”. Ma nel frattempo si sta lavorando alle mostre del 2021 con una sezione rivista dedicata alla Repubblica Sociale Italiana.

A pochi chilometri di distanza risalendo il lago, il prossimo 4 luglio alle 11 al Vittoriale degli Italiani di Gardone Riviera sarà inaugurato il teatro rinnovato dopo i lavori finanziati anche con un contributo di 500 mila euro dalla Regione Lombardia. Al taglio del nastro, oltre al presidente della Fondazione Giordano Bruno Guerri è atteso anche il governatore Attilio Fontana.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.