Quantcast

Pazzi per l’Opera, sabato il racconto dedicato a Tosca

Alle ore 11.00 il Salone delle Scenografie del teatro Grande ospiterà lo storico dell’arte Paolo Bolpagni e il latinista Roberto Gazich.

(red.) Si rinnova l’appuntamento con il ciclo di conferenze Pazzi per l’Opera. Sabato 23 novembre alle ore 11.00 il
Salone delle Scenografie del teatro Grande ospiterà lo storico dell’arte Paolo Bolpagni e il latinista Roberto Gazich per il racconto dedicato a Tosca. L’incontro anticipa il consueto appuntamento In diretta dalla Scala durante il quale viene trasmessa in streaming l’opera inaugurale della Stagione d’Opera e Balletto 2019-2020 del Teatro alla Scala di Milano.
Il pubblico bresciano ricorderà il recente allestimento di Tosca che ha inaugurato la Stagione Opera e Balletto 2018 del Teatro Grande: a un anno di distanza i melomani ripropongono il racconto di uno dei capolavori pucciniani più amati e popolari del panorama operistico.

Il compositore Giacomo Puccini si interessò all’omonimo dramma storico di Victorien Sardou di cui vide una rappresentazione al Teatro Filodrammatici di Milano nel 1889. L’opera gli fu commissionata qualche anno dopo e Puccini poté dedicarvisi soltanto dal 1896 (dopo il successo di La Bohème). Fu una stesura travagliata che vide il completamento nel 1899: Tosca debuttò il 14 gennaio dell’anno seguente a Roma, al Teatro Costanzi.
Oltre a un approfondimento del contesto storico e della vita del compositore, l’incontro di sabato sarà dedicato anche all’ascolto delle più celebri arie tratte dall’opera. Il pubblico sarà così guidato nella comprensione del testo, grazie allo stile sempre accessibile ed efficace per appassionati e neofiti.
Tutti gli appuntamenti del ciclo Pazzi per l’Opera sono a ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili. L’accesso al Salone delle Scenografie si effettua da via Paganora 19.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.