CidneOn, festival luci torna in Castello a febbraio

Dall'8 al 16 e si attendono oltre 300 mila visitatori. Al centro il tema della cultura italiana e con Leonardo da Vinci. Brevivet farà dei pacchetti ad hoc.

(red.) Anche la nuova edizione, la terza, del festival delle luci “CidneOn” in programma al Castello di Brescia sarà legata alla festa dei patroni San Faustino e Giovita. Infatti, si terrà dall’8 al 16 febbraio 2019 ed è stata presentata nei primi elementi ieri, lunedì 5 novembre, a Palazzo Loggia. Dall’associazione “Cieli Vibranti” che si occupa dell’iniziativa con gli Amici del Cidneo fanno sapere che si punterà sulla cultura. Il progetto è ancora di Up! Strategy to Action per un investimento di 1,1 milioni di euro da finanziare attraverso gli ingressi e sponsor privati, ma anche dagli enti pubblici. Il titolo sarà “Icone italiane tra mito e meraviglia” e si punterà su cinema, moda, cibo, arte e bellezze e mettendo al centro la figura di Leonardo da Vinci di cui nel 2019 risalgono i 500 anni dalla nascita.

Proprio a lui sarà dedicata l’installazione all’ingresso dal maniero. Alla regia c’è ancora Robbert Ten Caten ideatore del festival di Eindhoven, ma ci sarà spazio anche per l’artista contemporaneo bresciano Massimo Uberti. Altri dettagli saranno svelati nelle prossime settimane, ma di certo l’evento resterà gratuito, con il ritorno della “chiave salta code” da 8 e 10 euro. Dal punto di vista degli accessi, dai 150 mila della prima edizione ai 250 mila della seconda, si punta ad aumentare ancora di più fino a 300 mila e oltre negli ingressi ogni giorno dalle 18,30 alle 24 e con l’ultimo accesso alle 22,30. In più ci sarà una novità a livello turistico perché l’agenzia di viaggi Brevivet, in accordo con Up!, inserirà dei pacchetti che per il nord Italia includano visite anche al centro storico e al festival bresciano. Neanche per la nuova edizione, invece, ci saranno in città delle installazioni collegate all’iniziativa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.