Quantcast

Ctb Brescia, produzione teatrale che funziona

Con l'avvio della stagione autunnale sono tanti gli spettacoli pensati nella nostra provincia ed "esportati" poi in tutta Italia. Da Milano a Roma.

Più informazioni su

(red.) Un inizio di Stagione davvero entusiasmante per il Centro Teatrale Bresciano, che proprio in questi giorni vede impegnati in tutta Italia numerosi tra i più grandi artisti della scena nazionale nell’allestimento o nella ripresa in tournée di spettacoli di produzione.

L’apertura della quarantaquattresima Stagione del CTB conferma la sempre maggior capacità del più importante e prestigioso teatro di produzione cittadino di essere protagonista sulla scena nazionale, recando prestigio a Brescia come città capace di produrre ed esportare cultura ai più alti livelli.

Martedì sera apre la Stagione del Teatro Elfo Puccini di Milano la produzione CTB Una bestia sulla luna di Richard Kalinoski, lo spettacolo sul genocidio armeno presentato lo scorso novembre al Teatro Mina Mezzadri, che ha per straordinaria protagonista Elisabetta Pozzi, tra le più grandi attrici del teatro italiano. Dopo Milano lo spettacolo avrà una lunga tournée in prima parte di Stagione, toccando il Teatro Stabile di Genova, il Biondo di Palermo, il Teatro Palladium di Roma, il Teatro Kismet di Bari e numerose altre piazze in tutta Italia, tra cui l’importante Dessaran Festival di Padova, la rassegna dedicata alla cultura armena ideata e promossa da Antonia Arslan, cha ha fortemente voluto lo spettacolo per inaugurale l’edizione di quest’anno, dopo averlo visto a Brescia.

Sempre a Milano si è appena concluso con domenica 14 ottobre il passaggio della produzione CTB Dio ride di e con Moni Ovadia, ospitata al Piccolo Teatro di Milano per 12 repliche, per le quali si è sempre realizzato il tutto esaurito di pubblico. Dopo il debutto estivo nel Festival di Via Nullo è cominciata da Milano la tournée che toccherà numerose piazze del Nord Italia per poi proseguire nel 2019.

Franco Branciaroli comincia proprio questa sera dal Teatro Rossetti di Trieste la lunghissima tournée della produzione I miserabili, presentata al Teatro Sociale lo scorso maggio. Lo spettacolo viaggerà per grandi teatri e città per ben sei mesi e per oltre 110 recite (tra le tante piazze toccate: Roma, Perugia, Urbino, Prato, Udine, Padova, Verona, Cagliari, Torino, Milano, Genova, Messina, Catania, Pavia, Bolzano).

Proprio in queste ore, sulle tavole dei palcoscenici bresciani Elena Bucci e Marco Sgrosso, accompagnati da 7 attori e un musicista, stanno provando L’anima buona del Sezuan di Bertolt Brecht, che debutterà il 23 ottobre al Teatro Sociale inaugurando la Stagione di Prosa 2018/2019. Lo spettacolo, coprodotto con ERT, si trasferirà dopo le recite bresciane a Bologna, Modena, Vignola, Cesena, Pavullo, Russi e Bellinzona.

Infine al Teatro Le Maschere di Roma, in attesa di arrivare a Brescia per la fine di ottobre, Manuela MandracchiaMariangeles Torres e Sandra Toffolatti stanno provando in questi giorni la nuova produzione Sindrome italiana di Lucia Calamaro, che avrà il suo debutto nazionale al Teatro Mina Mezzadri il 13 novembre prossimo.

Come testimonia questa breve rassegna, una rosa di artisti tra i più premiati ed acclamati del teatro italiano è impegnata in questi giorni e ore in spettacoli di produzione CTB un fatto che conferma il Teatro di Rilevante Interesse Culturale di Brescia quale epicentro di primaria importanza della produzione e diffusione dell’arte teatrale in Italia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.