Quantcast

«Corpus Hominis», arte e fede a Brescia

Dal 19 al 22 giugno a Brescia la Festa del Corpus Domini, istituita 750 anni fa da Papa Urbano IV. Il clou sarà la "Notte nel Sacro".

(red.) Gli Itinerari di arte, storia e fede nelle chiese di Brescia, nove tappe di avvicinamento alla grande festa del Corpus Domini, che si sono svolte nelle nove chiese parrocchiali del Centro storico e che hanno costituito la prima parte dell’edizione 2014 del progetto Corpus Hominis, volgono al termine e ci conducono direttamente al vero fulcro della manifestazione. Dal 19 al 22 giugno è in programma la Festa del Corpus Domini, momento centrale del progetto Corpus Hominis.
Il 2014 segna infatti il 750esimo anniversario della festa del Corpus Domini, istituita da Papa Urbano IV nel 1264 per dedicare all’eucarestia, sacramento di salvezza, un giorno speciale nell’anno liturgico. Il giorno in cui si commemorava l’istituzione dell’eucarestia sarebbe stato il Giovedì Santo, molto occupato da altri riti e alla vigilia della passione, morte e sepoltura di Cristo; perciò il Papa stabilì la festa nel giovedì dopo la domenica di Pentecoste, che quest’anno cadrà il 19 giugno. Nel Trecento, la festa divenne il principale evento urbano dell’Europa: nel Corpus Domini si era introdotta la processione eucaristica per le vie della città con la partecipazione di tutte quelle che allora erano considerate le membra del corpo sociale: le istituzioni civili (il corpo politico), le corporazioni di arti e mestieri (il corpo produttivo), la Chiesa locale (il corpo ecclesiale). Un evento che raccoglieva in un unico corteo e in un’unica celebrazione le diverse membra della civitas, promosso e organizzato dalle autorità civili e religiose insieme. Il passaggio di Cristo, presente nell’ostia, ricordava a tutti che siamo corpo, che insieme siamo comunità viva.
Il progetto Corpus Hominis individua nel Corpus Domini il focus della creazione del corpo sociale della città. Corpus Hominis si configura come un percorso di ideazione, collaborazione, costruzione culturale artistica, sociale e civile, teso a realizzare un sistema culturale urbano in grado di mettere in rete le diverse realtà della città. Attraverso diversi itinerari urbani, artistici, performativi, rituali, il progetto vuole far conoscere l’ingente patrimonio artistico sacro di Brescia con l’attenzione a promuovere una valorizzazione integrale e quindi anche teologica e spirituale, non limitandosi esclusivamente all’aspetto storico e artistico. Corpus Hominis intende pensare la città come un “coro e un corpo civico”, come una comunità: la città cristiana, infatti, vive di azioni e relazioni. Corpus Hominis è frutto di un percorso di azioni e relazioni significative tra realtà ecclesiali e culturali del territorio che negli anni scorsi hanno offerto a Brescia manifestazioni di rilievo come Crucifixus, Agorà e Notte nel Sacro.
Per informazioni: www.diocesi.brescia.it; facebook/corpus hominis; twitter @corpushominis.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.