Ctb, Castelletti: «Regione non critichi, paghi»

Il vicesindaco ha replicato alle critiche espresse dall'assessore regionale Cappellini in visita mercoledì al Teatro Stabile. "Il Pirellone apra il portafogli quanto il Comune".

(red.) Pacata come sempre, ma senza nascondere l’amarezza. E’ un braccio di ferro a distanza fra due assessori alla Cultura, quello che vede opposte Laura Castelletti e Cristina Cappellini. In palio i finanziamenti del Ctb di Brescia.
La Cappellini mercoledì 5 febbraio si è recata in visita allo Stabile bresciano per mostrare la propria solidarietà alla presidente Carla Boroni, in seguito ai tagli subiti dal Comune. Visita che il vicesindaco ha commentato con stupore e indignazione. Non accettiamo lezioni dalla Regione, che negli anni scorsi ha tagliato i fondi al Ctb e oggi dà un contributo di 160mila euro a fronte di quello comunale che supera il milione. L’Amministrazione non ha mai messo in discussione il valore culturale dello Stabile. La parte di contributi sulla quale si vorrebbe intervenire riguarda i 430 mila euro che vengono erogati annualmente al Ctb per la gestione del teatro Sociale».
La Castelletti ricorda di aver convocato i vertici del Ctb negli uffici tecnici per una prima valutazione dei tagli e a un tavolo con il sindaco e allora il Ctb sembrava disponibile a dialogare sui tagli che il vicesindaco giudica inevitabili e spalmati su tutti gli assessorati. «La Regione, invece di puntare il dito contro di noi – conclude la Castelletti – aumenti il contributo al Ctb visto che i soci fondatori, che hanno uguali diritti e doveri, dovrebbero mettere tutti la stessa cifra, cosa che non avviene da tempo».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.