Quantcast

Il Teatro Grande si trasforma in “planetario”

Sul palco del massimo cittadino, mercoledì 18 dicembre, lo spettacolo dei Deproducers, la mattina per le scuole, la sera per quanti vogliano assistere.

Più informazioni su

(red.) Il 18 dicembre in doppia replica, la mattina per le scuole (ore 10.00 con prenotazioni obbligatorie già  chiuse) e la sera per tutti (ore 21.00), andrà in scena lo spettacolo Planetario dei Deproducers, al Teatro Grande di Brescia.
Un 
gruppo e un progetto curioso e affascinante nati dall’incontro di quattro grandi produttori e musicisti: Vittorio Cosma, Riccardo Sinigallia, Max Casacci, Gianni Maroccolo. Deproducers è una sorta di collettivo, al quale ha collaborato anche il celebre produttore Howie B e lo strabiliante batterista Dodo Nkishi, che si ripropone di musicare dal vivo conferenze scientifiche raccontate in maniera rigorosa ma accessibile.
L’idea di Deproducers nasce da Vittorio Cosma, che decide di coinvolgere alcuni dei  
musicisti che più stima in un incontro tra musica e scienza.  Planetario, il primo capitolo di questa “collana”, è un progetto innovativo e coinvolgente, un connubio riuscito tra musica e scienza. Lo spettacolo è un viaggio indimenticabile nello spazio, raccontato con piacevole leggerezza dall’astrofisico Fabio Peri, direttore del Planetario di Milano, e musi to dal vivo dai quattro musicisti. L’Astrofisico illustrerà le meraviglie del cosmo e il mistero della sua nascita, le costellazioni e la loro mitologia, il rapporto tra l’Uomo e l’Infinito, il tutto veicolato da un’incredibile capacità di coinvolgere il pubblico con un linguaggio semplice ed accessibile.
Con lui, i quattro  
produttori insieme alla batteria di Dodo Nkishi ed alla direzione “cosmonautica” di Howie B stenderanno un tappeto sonoro dal vivo che trascinerà l’ascoltatore dritto nel centro della volta celeste, rendendo il concerto un vero e proprio viaggio intergalattico. Immagini ufficiali dell’ESA faranno da corredo allo spettacolo.
I biglietti per lo spettacolo sono in vendita on line sui siti teatrogrande.it e vivaticket.it e alla Biglietteria del Teatro Grande.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.