Quantcast

Iseo, 102 studenti per cinque Nobel

L’anno dei record per l’I.S.E.O Summer School, il prestigioso corso estivo di economia, che festeggia, nel 2013, il decennale dal suo avvio.

Più informazioni su

(red.) Sono numeri straordinari quelli che contraddistinguono la decima edizione della I.S.E.O Summer School, il prestigioso corso estivo di economia organizzato dall’Istituto I.S. E.O che proprio lo scorso anno è stato inserito tra le migliori dieci Summer School al mondo.
Per festeggiare il decimo compleanno l’Istituto ha promosso un panel di relatori unico: 5 Premi Nobel per l’Economia ( ovvero Michael Spence, Eric Maskin, Dale Mortensen, William Sharpe e George Akerlof) insieme a Robert Wescott, già capo economista del Presidente Americano Clinton.
E gli apprezzamenti al corso non si sono fatti desiderare: per il 2013 la Summer School ha già fatto registrare il record di iscritti con 102 partecipanti ( selezionati su oltre 200 iscritti), la maggior parte phd, provenienti da 41 Paesi e frequentanti oltre 70 tra le più prestigiose università del Mondo.
Una vera e propria eccellenza tutta italiana quella della I.S.E.O Summer Shool che, nel corso degli anni, è stata contraddistinta da grandi risultati e da un indubbio trend positivo: basti pensare che alla prima edizione del 2004 avevano preso parte circa 30 studenti, molti dei quali italiani.
Per quest’anno l’atmosfera multietnica è invece garantita: tra i partecipanti ci sono infatti giovani talenti provenienti dagli Stati Uniti all’Azerbaijan, dalla Tailandia alla Russia, da Taiwan al Congo, dalla Nigeria al Messico, dal Bangladesh alla Lituania, dalla Corea fino al Turkmenistan, solo per citare alcuni Paesi. Fra gli studenti, che vantano un curriculum invidiabile nonostante la giovane età, spiccano giovani economisti che lavorano già per banche nazionali, come la National Bank of Belgium, la Asian Development Bank nelle Filippine e la Islamic Development Bank in Arabia Saudita, oppure per Ministeri dell’Economia, come quello polacco.
Come da tradizione, studenti e Premi Nobel discuteranno a Iseo, per tutta la settimana dal 15 al 22 Giugno, dei temi legati alla più stretta attualità economica: il titolo generale della Summer School “Ridisegnando la mappa dell’economia globale” verrà affrontato da ogni relatore partendo dal suo campo di specializzazione, dando vita a lezioni su argomenti di grande interesse come la crescita e l’impatto delle economie emergenti ( Spence), il problema della disoccupazione globale (Mortensen), il ruolo e le conseguenze della rivoluzione energetica (Wescott), l’importanza delle politiche pensionistiche in tutto il mondo ( Sharpe), la diseguaglianza dei mercati internazionali ( Maskin) e anche gli aspetti più irrazionali ed emotivi delle scelte economiche (Akerlof).
Anche per l’edizione 2013 l’istituto ha potuto contare sul supporto di numerosi sostenitori, locali e non, che hanno messo a disposizione borse di studio per consentire a studenti meritevoli provenienti soprattutto da Paesi in via di sviluppo di partecipare al corso iseano.
Oltre al decimo compleanno del prestigioso corso estivo nel 2013 l’Istituto I.S.E.O si appresta a spegnere quindici candeline, con alle spalle oltre 40 convegni di studi internazionali promossi, in Italia e all’estero, con più di 30 Premi Nobel ospitati a Iseo ed oltre 7.000 persone accolte come audience nei vari incontri. Inoltre, sempre quest’anno, cade il decimo anniversario della scomparsa del fondatore e ideatore dell’associazione non profit, Franco Modigliani: il professore italiano emigrato negli Stati Uniti all’MIT di Boston che, dopo una breve vacanza, si innamorò di Iseo e della sua gente tanto da fondare, insieme ad alcuni amici, proprio l’Istituto I.S.E.O.
Alla sua memoria l’ente non profit dedicherà un convegno di studi internazionali in calendario il prossimo 18 Giugno 2013 all’Università di Bergamo, con i colleghi del Prof. Modigliani Mike Spence, George Akerlof e Dale Mortensen ( prenotazione posti obbligatoria su www.istiseo.org).
All’Iseolago hotel inoltre è stata allestita una piccola mostra dal titolo “Un Nobel per amico” con foto e documenti che testimoniano il rapporto tra Modigliani e Iseo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.