Quantcast

Arcai guida le Città d’arte pianura Padana

L'assessore alla Cultura del Comune di Brescia nominato presidente del Circuito. Tra gli obiettivi la promozione turistica dell'Italia sui mercati europei.

Più informazioni su

(red.) Andrea Arcai, assessore al Turismo, Cultura e Pubblica Istruzione del Comune di Brescia, è stato eletto presidente del Circuito Città d’arte della pianura Padana.
Arcai è coadiuvato nel suo operato dal vicepresidente, l’assessore Andrea Ferrari  del Comune di Lodi, e dal responsabile delle Relazioni expo, l’assessore Paolo Centinaio del Comune di Pavia. Si affiancano all’operato del Consiglio direttivo, il direttore, Ornella Gamacchio, e il Consulente progetti speciali, Tiziano Ruffilli.
“Il Circuito sta vivendo un periodo di intensa attività e ricco di iniziative” ha dichiarato l’assessore. “Uno degli obiettivi che mi stanno particolarmente a cuore e che perseguiremo in particolar modo durante questo anno del mio mandato, è di tutelare i progetti culturali del Circuito e di incoraggiare la partecipazione delle amministrazioni locali, delle Camere di Commercio, delle Fondazioni bancarie e di altri enti privati nel sostegno finanziario a questi progetti”.
“Secondo i risultati di una recente ricerca elaborata da Symbola e Unioncamere”, ha aggiunto Arcai, “a cultura frutta all’Italia il 5,4% della ricchezza prodotta, equivalente a ben quasi 76miliardi di euro, e dà lavoro al 5,6% del totale degli occupati della Nazione. Se a tali dati si aggiungono quelli del turismo (10% del pil) oltre al 2,2 del totale degli occupati, appare evidente che la cultura è da ritenersi un fattore trainante e di rilancio per molta parte dell’economia italiana e con, tutta probabilità, il comparto produttivo più importante d’Italia”.
“Un altro tema caldo per il Circuito”, ha sottolineato l’assessore bresciano, “sarà quello di incrementare la collaborazione e il supporto fra le singole città che aderiscono al Circuito e le realtà del territorio circostante, con iniziative volte a favorire gli scambi ‘turistici’. A tale proposito sono già allo studio una serie di attività che prevedono specifiche agevolazioni per gli abitanti delle città che fanno parte del Circuito”.
“Parallelamente”, ha concluso il neo presidente  del Circuito Città d’arte della pianura Padana, “continuerà l’impegno nelle attività promozionali pianificate  le iniziative per la promozione turistica in Italia e all’estero,  principalmente sui mercati di Gran Bretagna, Francia, Germania, Austria e Svizzera.”

 

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.