Centro storico più vivo con le “Notti dell’arte”

Iniziative culturali gratuite per una settimana a Brescia. Poi sabato musei, gallerie e negozi aperti fino alle 24 per una serata dedicata alla città.

(s.m.) La notte bianca cresce e si trasforma in un’intera settimana dedicata all’arte: un progetto ambizioso che sta già raccogliendo entusiastici commenti non solo in città ma anche da parte di alcuni collezionisti stranieri, in pole-position per prenotare negli alberghi bresciani.
L’iniziativa, proposta dall’Associazione gallerie di Brescia, prende le mosse dal grande successo delle notti bianche cittadine che hanno portato Brescia, con le scorse edizioni, a guadagnare il titolo di quarta città italiana per afflusso (dopo Milano, Torino e Roma). Le notti dell’arte hanno testimoniato una tale portata di seguito, appassionati e semplici curiosi, da lasciar immaginare una sette giorni ininterrotta di grande cultura, e così, a partire dal prossimo 24 settembre, con taglio del nastro alle 17, sarà Santa Giulia a dare il via a un’avventura culturale coraggiosa.
In quell’occasione s’inaugurerà una mostra che porterà al confronto opere d’arte moderne e contemporanee nel più tradizionale, raffinato ed elegante dei contenitori, per l’occasione visitabile gratuitamente. Alle 18,30 dello stesso giorno un’inaugurazione collettiva aprirà in contemporanea le porte di ben 20 gallerie bresciane, che fino al primo ottobre rappresenteranno le altrettante tappe d’un percorso museale e didattico innovativo e di grande interesse. Nel sabato conclusivo, le gallerie con Santa Giulia, i teatri, i monumenti, le chiese e i negozi resteranno aperti fino alle 24 per celebrare la più tradizionale notte bianca che, per l’occasione, si doterà di bus navetta gratuiti utili a spostarsi in tutta comodità tra le gallerie.
A compendio della settimana, alcuni nomi di pregio del panorama della critica artistica saranno in città per accompagnare i visitatori in un’analisi esaustiva e coinvolgente dell’arte dal secondo dopoguerra ad oggi. Da non perdere: Philippe Daverio (martedì 27 ore 20,45), Angela Vettese (mercoledì 28 ore 20,30) e Domenico Quaranta (giovedì 29 alle 20,30), come pure gli incontri ospitati dal cinema Nuovo Eden.
“Ritmi serrati, grande impegno e un’intuizione che credo si dimostrerà vincente”, ha detto l’assessore alla Cultura e al Turismo del comune di Brescia Andrea Arcai, “hanno permesso di mettere in campo questo format già guardato con vivo interesse in tutta la penisola: è la conferma che il lavoro di sinergia pubblico-privato può davvero dare i suoi frutti, risultati che, mi auguro, siano destinati a crescere. Faremo conoscere la Brescia premiata dall’Unesco”, ha continuato, “ma offriremo soprattutto un panorama dell’arte moderna e contemporanea in fertile confronto con quella più classica, proporremo ai bresciani un modo nuovo di vivere la città e scoprire come l’arte si stia evolvendo e, al contempo, creeremo un’occasione per far conoscere, scoprire e frequentare Brescia ai turisti.”
“Un modo”, gli ha fatto eco l’assessore al Commercio e Marketing Maurizio Margaroli, “per restituire dignità e viva partecipazione al nostro centro, che incontra la felice collaborazione di tutti i commercianti, pronti ad offrire sostegno, divulgazione e servizi a bresciani e turisti che spero intendano sostenere quest’evento sino a farlo crescere come un gradito e caratteristico appuntamento fisso”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.