Accoltellata dal compagno: forse la gelosia dietro l’aggressione

Il 37enne tunisino è in carcere e deve rispondere di tentato omicidio. La compagna è ricoverata in gravi condizioni con ferite alla schiena, al volto e alle mani.

Più informazioni su

Brescia. E’ ricoverata in ospedale, con gravi ferite alla schiena, al volto e alle mani, ma non sarebbe in imminente pericolo di vita la 37enne italiana (e non 46enne come inizialmente comunicato) ferita a coltellate dal  compagno, coetaneo, originario della Tunisia, nella notte tra domenica e lunedì in via Diaz, a Brescia.

L’uomo, dopo l’aggressione, probabilmente commessa al culmine di una lite per motivi di gelosia, era scappato in auto, arrivando fino a Ventimiglia, dove è stato rintracciato dalle forze dell’ordine in una stazione degli autobus, nel tentativo di varcare il confine francese e, da lì, raggiungere il Nord Africa.
Nell’abitazione dove vive la coppia, che ha una bambina, gli inquirenti hanno trovato tantissimo sangue: forse pensando di avere ucciso la compagna, l’uomo è scappato, ma la sua fuga è durata solo poche ore. Arrestato e tradotto nel carcere cittadino di Canton Mombello, deve rispondere di tentato omicidio, in attesa che la vittima possa fornire la propria versione dei fatti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.