Colpito da infarto il pilota eroe salva cineoperatore bresciano

Marco Vignoni, 42 anni, salvato dalla prontezza del pilota 74enne Renato Fornaciari che, colpito da malore mentre guidava un aereo storico durante le riprese cinematografiche, è riuscito a portare in salvo passeggero e velivolo.

Asiago. Era una troupe cinematografica al lavoro sull’Altopiano dei Sette Comuni (Vicenza) quella coinvolta nell’incidente avvenuto nella mattinata di lunedì 23 maggio all’aeroporto di Asiago, in cui è morto il pilota, Renato Fornaciari, 73 anni, originario della provincia di Parma ma residente da diverso tempo in Trentino.
Il velivolo storico era stato affittato per le riprese di un film in lavorazione, dal titolo “L’isola che non c’è. La vera storia di Peter Pan”, prodotto dalla «Jolefilm» di Marco Paolini, che racconta la vicenda del soldato austro-ungarico morto nel 1918 sul Monte Grappa e sepolto nel Sacrario di Cima Grappa.

Nonostante sia stato colpito da un infarto, il pilota è riuscito a portare a termine la manovra di atterraggio prima di morire, salvando così il passeggero che aveva a bordo, il cineoperatore bresciano Marco Vignoni, 42 anni, rimasto illeso grazie all’atterraggio d’emergenza all’aeroporto Romeo Sartori di Asiago.
Fornaciari, pur sentendosi male, è riuscito ad atterrare regolarmente in pista per poi accasciarsi sui comandi, facendo finire l’aereo sull’erba.

Immediato l’intervento del personale dell’aeroporto e dei vigili del fuoco, che hanno estratto dalla cellula dell’aereo il pilota, iniziando il primo intervento di rianimazione cardiopolmonare anche con l’utilizzo del defibrillatore, fino all’arrivo del personale del Suem. L’uomo è stato a lungo rianimato dai sanitari, ma il medico ha dovuto dichiarare la morte dell’uomo. Spaventato, ma illeso il passeggero. Sul posto i carabinieri.
Aperta un’inchiesta, come da prassi, da parte dell’Ente nazionale per l’aviazione civile, autorità di certificazione, vigilanza e controllo nel settore dell’aviazione civile in Italia.

 

 

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.