Banda di giovanissimi mette a ferro e fuoco carrozza del treno

E' accaduto sabato notte sulla linea Milano-Como-Chiasso. Il gruppetto è stato identificato e denunciato: tra i componenti anche alcuni bresciani. La corsa è stata soppressa.

Brescia. Devastazione su un treno Trenord sulla linea Milano Porta Garibaldi – Como – Chiasso. A metetrla in atto, nella serata di sabato 21 maggio, un gruppo di giovani, tra cui anche alcuni bresciani.
Erano le 22 quando la capotreno 26enne, entrata a controllare i biglietti nell’ultima carrozza del convoglio 25076, si è trovata di fronte una scena di caos e distruzione: Un banda di giovani aveva messo a soqquadro il vagone, bevendo, ballando sui sedili e fumando. Non solo, i passeggeri avevano anche imbrattato i finestrini con vernice spray rosa.

La capotreno ha cercato di riportare alla calma il gruppetto di scalmanati, ma poi, temendo un’aggressione, ha atteso che il convoglio arrivasse in stazione, a Seregno, ha bloccato le uscite e chiamato i carabinieri, giunti sul posto con diverse pattuglie.
Gli uomini dell’Arma hanno fatto scendere i ragazzi dal treno, scoprendo non solo che viaggiavano senza biglietto, ma che oltre la metà di loro aveva precedenti per invasione di terreni o edifici e uso o spaccio di stupefacenti, ma pure per rissa, simulazione di reato, ricettazione, violenza, minaccia e oltraggio a pubblico ufficiale.

Il treno è stato soppresso e i ragazzi identificati e denunciati per interruzione di pubblico servizio. Denunciato per imbrattamento e deturpamento di cose altrui l’autore dell’imbrattamento del vagone.
Il gruppetto era formato da giovani di età compresa tra i 15 e i 21 anni (sette di Milano e gli altri dalle province di Lodi, Brescia, Lecco, Como, Bergamo, Ravenna) ed era partito da Porta Garibaldi per raggiungere Seveso, dove avrebbero dovuto festeggiato il compleanno di un 39enne, pregiudicato per diversi reati (tra cui anche violenza sessuale), presente sul treno.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.