Incendi Valvestino e Sonico, non è finita la battaglia dei volontari

Nell'Alto Garda un'altra domenica di lotta contro le fiamme arrivate dal Trentino e propagatesi velocemente nel Bresciano. In Valcamonica restano attivi alcuni focolai sopra Rino ed è caccia ai piromani.

Incendio Valvestino rogo Alto Garda volontari del Garda

(red.) Prosegue anche nel fine settimana il lavoro dei volontari con il supporto di Canadair ed elicotteri per contenere il fronte del vasto incendio che è arrivato nel Nord Est della nostra provincia dal Trentino e ora, sospinto dal vento e alimentato da sottobosco e arbusti secchi per la mancanza di pioggia, minaccia il parco dell’Alto Garda (foto dei Volontari del Garda: sopra e sotto). Le fiamme hanno già mandato in fumo oltre un centinaio di ettari di terreno aggredendo il monte Cortina nel comune di Valvestino e minacciando anche il confinante comune di Magasa nella zona di Tombea.

Incendio Valvestino rogo Alto Garda volontari del Garda

Sabato mattina hanno lavorato nell’Alto Garda due Canadair arrivati da Genova che si sono approvvigionati nel lago d’Idro e tre elicotteri che hanno pescato l’acqua nelle vasche sistemate in località Vot, Persone e Cima Rest e alimentate con difficoltà dall’acquedotto comunale. Il lavoro dei volontari ha permesso di salvare alcuni fabbricati situati nel perimetro dell’incendio.

Incendio Sonico frazione Rina Valcamonica rogo volontari
Incendio Sonico frazione Rina Valcamonica rogo volontari

Questa domenica è stata giornata di battaglia non solo per l’Alto Garda, ma anche per la Valcamonica dove si sta neutralizzando il rogo nei boschi sopra Rino di Sonico (in alto e in basso le foto della Protezione civile di Sonico): anche qui per tutta la giornata di sabato hanno lavorato gli elicotteri, con cinque lanci di un Canadair, e il fronte dell’incendio è stato spezzato. In quest’area sono stati divorati più di 100 ettari di bosco.

Incendio Sonico frazione Rina Valcamonica rogo volontari
Incendio Sonico frazione Rina Valcamonica rogo volontari
Incendio Sonico frazione Rina Valcamonica rogo volontari

Sono rimasti settori attivi in località Stablo a 1700 metri di quota e nella parte alta della Val Rabbia. Si tratta di zone difficilmente raggiungibili a piedi.
Intanto è caccia ai piromani che mercoledì sera hanno innescato il rogo nella zona di Villincampo di Sonico, nei pressi del sito archeologico delle incisioni rupestri Coren de le Fate: le indagini sono affidate ai carabinieri forestali di Edolo.

Incendio Sonico frazione Rina Valcamonica rogo volontari
Incendio Sonico frazione Rina Valcamonica rogo volontari
Incendio Sonico frazione Rina Valcamonica rogo volontari

 

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.