Quantcast

La polizia arriva per una donna ferita e scopre serra di marijuana

Più informazioni su

(red.) Gli agenti delle volanti di Brescia sono intervenuti, nel primo pomeriggio di giovedì, in zona Sant’Orsola, dov’era stata segnalata una donna di 30 anni ferita al bulbo oculare destro con una piccola lacerazione della palpebra.
Gli accertamenti dei poliziotti hanno consentito di stabilire che la donna si era ferita utilizzando alcune munizioni da caccia per realizzare dei lavori artistici che stava preparando per un’occasione non meglio specificata.
Gli uomini della Questura, insospettiti, hanno effettuato un controllo dell’abitazione della donna e sono stati attratti da un forte odore di marijuana scoprendo l’esistenza di una serra fatta in casa.
La 30enne aveva trasformato lo sgabuzzino in una piccola serra dove coltivare piante di marijuana, illuminate con luce artificiale e areate da ventilatori; per monitorare la temperatura dell’ambiente, circondato da piccoli pannelli solari, c’era anche un termostato.
I poliziotti hanno proceduto a una accurata perquisizione dei locali, sequestrando 6 piante di marijuana, l’impianto della serra, una bustina di cellophane contenente marijuana per un peso di circa 13 grammi e due buste in nylon contenenti hashish per un peso di poco superiore ai 130 grammi. Sono stati inoltre ritrovati oltre 600 euro suddivisi in banconote di piccolo taglio.
Nei confronti della donna è scattata una denuncia per coltivazione, produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.