Quantcast

Milzano, provoca un tamponamento e fugge su un Doblò rubato: in manette

Più informazioni su

(red.) Il Radiomobile di Verolanuova unitamente alla Stazione Carabinieri di Pontevico ha tratto in arresto un cremonese classe 1980 che, dopo aver causato un incidente stradale, si era dato alla fuga rubando un Fiat Doblò. Il fatto è accaduto giovedì alle ore 12,30 quando un pregiudicato cremonese, a bordo della sua Audi A3, nell’effettuare una inversione ad U a Milzano aveva tamponato un Fiat Doblo con a bordo un 50nne bresciano.
Invece di prestare soccorso alla persona coinvolta nel sinistro in evidente difficoltà e constatato che l’Audi non poteva circolare, l’uomo è salito a bordo di un altro Fiat Doblò, appartenente alla stessa ditta e che seguiva quello incidentato: il conducente era sceso per sincerarsi delle condizioni del collega di lavoro e si è visto rubare il furgoncino che il 40enne cremonese ha usato per fuggire in direzione di Pontevico.
Una pattuglia del Radiomobile e una della Stazione di Pontevico, allertate dalla centrale operativa, si sono messe sulle tracce del fuggitivo intercettandolo a Pontevico. Dopo numerosi tentativi di far accostare il mezzo e considerato il pericolo per gli altri utenti della strada a causa del continuo zigzagare del conducente, i militari hanno superato il Doblò rubato tagliandogli la strada e riuscendo a bloccarlo. L’’uomo è stato arrestato. Una perquisizione personale ha fatto scoprire un cacciavite nello stivale e una cartuccia da caccia.
Il 40enne ha dichiarato di essere fuggito perché da poco aveva subito la revoca della patente. Il Gip di Brescia ha convalidato l’arresto per omissione di soccorso, fuga da sinistro stradale con feriti, furto aggravato, resistenza a pubblico ufficiale, possesso di cartucce non denunciate, porto di strumenti atti ad offendere in pubblico. E’ stato tradotto a Canton Mombello.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.