Quantcast

Castegnato, lutto cittadino per l’ultimo saluto ad Elena

Alle 15,30 i funerali della 49enne uccisa a martellate una settimana fa dall'ex fidanzato, Ezio Galesi. Lunedì, in Procura, sentita la figlia 17enne della vittima.

(red.) Alle 15,30 di questo mercoledì, nella parrocchiale di Castegnato (Brescia) tutto il paese si stringerà attorno alla famiglia di Elena Casanova, la 49enne uccisa a martellate dall’ex fidanzato una settimana fa, davanti alla sua villetta di via Fiorita.

Per dare l’ultimo saluto ad Elena, operaia all’Iveco e madre di una ragazzina di 17 anni, è stato proclamato il lutto cittadino. Dopo l’esame autoptico che ha evidenziato la brutalità dell’aggressione con cui la 49enne è stata aggredita ed uccisa da Ezio Galesi, 59enne operaio che con la donna aveva avuto una relazione sentimentale che si era conclusa un anno fa, il magistrato ha dato il nulla osta per la sepoltura.

Intanto proseguono le indagini sull’efferato delitto, confessato dallo stesso omicida, il quale, dopo avere massacrato Elena ha atteso l’arrivo delle forze dell’ordine e consegnato l’arma del delitto.

Lunedì in procura è stata sentita (in modalità protetta) la figlia 17enne della vittima. La ragazzina avrebbe spiegato che la madre non le avrebbe parlato molto di quella relazione nè di timori particolari che la donna avrebbe avuto rispetto a Galesi. Nel periodo di lockdown in cui il 59enne era stato ospite di Elena in via Fiorita, la ragazza viveva con il padre.

Timori verso Galesi erano invece stati raccolti dall’ex marito di Elena e dal suo attuale compagno, già ascoltati dagli inquirenti nelle ore immediatamente successive all’omicidio. Paure che sarebbero state confidate anche ad alcune amiche. Galesi ha ammesso di avere tagliato le gomme all’auto di Elena, episodio che risale a gennaio di quest’anno.

L’uomo, in carcere con l’accusa di omicidio volontario (gli inquirenti stanno approfondendo l’aspetto dell’eventuale premeditazione) si è avvalso della facoltà di non rispondere nell’udienza di garanzia davanti al Gip.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.