Quantcast

San Felice: sparo accidentale dal fucile del padre, morta sul colpo 15enne

Roberto Balzaretti, 57 anni, si trovava in casa con la famiglia quando si è verificata la disgrazia. Sul posto i carabinieri di Salò.

(red.) Tragedia nel pomeriggio di questo sabato a Portese di San Felice del Benaco, sulla sponda bresciana del lago di Garda. Roberto Balzaretti, medico di 57 anni ed ex assessore, verso le 16,30 si trovava con la moglie e i due figli – una ragazza e un maschietto di 13 anni – all’interno di una villetta in via Boschette. Stava maneggiando un fucile da caccia, mostrandolo ai famigliari, quando è partito un colpo accidentale. Il proiettile ha colpito a morte la figlia del 57enne, Viola Balzaretti, studentessa del liceo linguistico di 15 anni.

Subito sono stati chiamati i soccorsi, ma l’arrivo dell’automedica e di un’ambulanza dei Volontari del Garda è stato inutile: la ragazzina era purtroppo deceduta sul colpo.
I carabinieri di Salò, intervenuti sul luogo della disgrazia propenderebbero per l’ipotesi dell’esplosione accidentale. Una terribile tragedia che ha duramente colpito una famiglia e tutta la comunità.

La salma di Viola è stata trasportata all’obitorio dell’ospedale Civile in attesa degli accertamenti medico-legali. Le indagini sono coordinate dal pm Carlo Milanesi. Il padre sarà iscritto nel registro degli indagati con l’ipotesi di omicidio colposo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.