Quantcast

Brescia, sequestrate 41mila mascherine FFP2

La Guardia di Finanza ha messo i sigilli di protezione sanitaria venduti on line poichè non conformi. Denunciati i rappresentanti legali delle società che li vendevano on line.

(red.) La Guardia di Finanza di Brescia ha sequestrato 41.760 mascherine che venivano commercializzate online come FFP2.

Gli approfondimenti investigativi hanno consentito alle Fiamme Gialle di appurare che quei dispositivi di protezione venduti dalla società coinvolta avevano un marchio CE emesso da un organismo che non poteva certificarne la conformità agli standard qualitativi dell’Unione Europea.

Le mascherine sono state sequestrate alla società in questione e a due suoi fornitori. Gli acquirenti sarebbero stati ingannati anche dai documenti di certificazione completamente falsi che accompagnavano il prodotto.

Il prezzo di vendita pubblicizzato sul sito era di 2,30 euro al pezzo: la merce sequestrata avrebbe consentito il conseguimento di un profitto illecito di oltre 96.000 euro.

I rappresentanti legali delle tre società coinvolte, di cui due della provincia di Brescia e una della provincia di Monza-Brianza, sono stati denunciati alla Procura di Brescia per il reato di frode in commercio, per aver commercializzato prodotti dalle caratteristiche difformi rispetto a quanto garantito al consumatore.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.