Quantcast

Temù, caso Ziliani: i tre indagati in silenzio davanti al Gip

Le figlie dell'ex vigilessa, trovata morta a tre mesi dalla scomparsa, e il fidanzato della maggiore, Mirto Milani si sono avvalsi della facoltà di non rispondere davanti al Gip.

(red.) Sono rimasti in silenzio tutti e tre gli indagati nella morte di Laura Ziliani, la ex vigilessa 55enne trovata cadavere a tre mesi della scomparsa nei boschi di Temù (Brescia).

Silvia e Paola Zani, figlie della donna, e Mirto Milani, fidanzato della sorella maggiore ed amante della minore, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere nell’interrogatorio di garanzia davanti al gip Alessanda Sabatucci e che si è tenuto nella mattinata di martedì rispettivamente a Verziano e al Nerio Fischione di Brescia.

Nessuna dichiarazione dei legali all’uscita dalle case circondariali dove erano ad attenderli giornalisti delle testate ed emittenti locali e nazionali.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.