Quantcast

Baby gang e spaccio di droga: due 17enni al Beccaria e altri sette indagati

Non solo spaccio. Il gruppetto ha compiuto anche estorsioni e pestaggi. I carabinieri "chiudono" il giro.

(red.) È sempre alta l’attenzione che l’Arma dei Carabinieri pone nel monitorare eventi o fenomeni che vedono coinvolti i giovanissimi in azioni e comportamenti illegali. Ed è in questo ambito che è stata condotta l’ultima attività dei carabinieri di Gardone Val Trompia contro il contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti sul territorio. L’articolata attività investigativa, condotta dai militari della Stazione di Gussago e coordinata dalle Procure della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni e del Tribunale Ordinario di Brescia, ha avuto il suo epilogo nella mattinata odierna, con l’emissione di due ordini di custodia cautelare in carcere, per altrettanti minori, e di decreti di perquisizione locale e personale nei confronti di altri sette indagati, quattro dei quali minorenni. Le operazioni, che hanno avuto inizio nel primo mattino di oggi con l’impiego dei carabinieri appartenenti alla Compagnia di Gardone Val Trompia e della limitrofa Compagnia di Chiari (i blitz nei comuni di Villa Carcina, Gardone V.T., Rodengo Saiano, Ospitaletto e Capriolo) , si sono concluse con l’arresto di due diciassettenni, poi associati al carcere minorile di Milano, ed il rinvenimento di modiche quantità di hashish nei domicili degli altri indagati.

 

Tutti i nove soggetti sono risultati coinvolti a vario titolo in una attività di cessione e spaccio di sostanze stupefacenti, prevalentemente ad altri minori, ed in particolare per gli arrestati sono stati scoperti e riscontati episodi estorsivi, talvolta sfociati in pestaggi, finalizzati al recupero dei crediti maturati nel tempo per l’illecita attività.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.