Quantcast

Strangola la moglie e poi si toglie la vita: tragedia a Calino di Cazzago San Martino

Sono una coppia di coniugi albanesi di 56 e 55 anni. I militari hanno anche trovato due lettere che spiegano il gesto.

(red.) Prima avrebbe strangolato la moglie e poi si sarebbe impiccato alla ringhiera delle scale. Omicidio suicidio nel pomeriggio di oggi, giovedì 12 agosto, in via Collina a Calino, frazione di Bornato, in provincia di Brescia. Un cittadino albanese di 56 anni, Shkelqim Bedeli, ha ucciso la propria moglie, Shegushe Paeshtianni (trovata esanime legata alle scale), pure albanese di un anno più giovane, e si è poi tolto la vita.

A lanciare l’allarme alle forze dell’ordine sono stati i due figli della coppia, entrambi in vacanza al momento della tragedia, i quali, dopo numerose telefonate senza risposta ai genitori hanno allertato i carabinieri. Gli agenti di Gardone Valtrompia, giunti sul posto attorno alle 10 di giovedì mattina, con l’ausilio dei vigili del fuoco, sono entrati da una finestra nell’abitazione della coppia, che da una decina d’anni viveva nel villaggio di via Collina, una sorta di residence costituito da villette a schiera, e hanno trovato i corpi.

Gli accertamenti della Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale di Brescia e del medico legale intervenuti sul posto e coordinati dal P.M. Alessio Bernardi, hanno permesso di appurare che il marito ha dapprima strangolato la moglie per poi legarla alla ringhiera e subito dopo si è impiccato, lasciandosi cadere dalla ringhiera del ballatoio.

A confermare la dinamica, due lettere scritte al computer, una indirizzata ai figli e l’altra alle Autorità, trovate addosso all’uomo, da cui si desume che alla base dell’insano gesto vi fossero profondi dissidi tra la coppia. Sembra che l’uomo covasse una profonda gelosia nei confronti della moglie, operaia alla “Amadori” di Cazzago San Martino, descritta dal vicinato come una signora riservata e laboriosa. La stessa descrizione anche per l’uomo, definito da tutti come abile artigiano, dedito alla cura del giardino e dell’orto di casa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.