Quantcast

Abusi, Codacons: “Serve figura che tuteli alunni”

L'associazione consumatori sul caso del bidello accusato di violenza sessuale sui minori della scuola statale in cui lavorava.

(red.) Fa clamore l’operazione dei carabinieri che, nella Bassa bresciana, hanno arrestato un uomo di 56 anni, di professione bidello, che adescava minori.

Gravi le accuse: atti sessuali con minori, corruzione di minore e tentata prostituzione minorile. L’indagine sarebbe partita dalle confidenze dei minori stessi ai propri genitori, che hanno a loro volta segnalato i fatti alle autorità.

Le indagini avrebbero portato a galla fatti che hanno legittimato gli arresti domiciliari dell’uomo

Sulla vicenda è intervenuto il Codacons che, in una nota, riferisce di costituirsi “persona offesa nel procedimento penale invocando la creazione di una figura scolastica destinata a badare specificamente, come prima mansione, alla sicurezza e salute psicofisica degli alunni”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.