Quantcast

Muscoline, lapide spezzata: colpa di un parcheggio

Nessun vandalismo all'origine del danneggiamento della stele intitolata all'Arma dei carabinieri, ma solo una maldestra manovra di un furgone.

(red.) Dopo la sparizione della targa intitolata alle vittime delle foibe dal parco pubblico di Manerba (Brescia), si temeva che un altro atto vandalico fosse stato commesso anche a Muscoline dove è stata danneggiata la stele dedicata ai carabinieri.

E se, in un primo tempo, si era pensato ad un sfregio volontario commesso verso la lapide dedicata alla Virgo fidelis dell’Arma, si è poi scoperto, complice anche il clamore che, sui social network, si era diffuso attorno alla notizia, che la stele è stata danneggiata a seguito del parcheggio (maldestro) di un furgone.

Nessun vandalismo, dunque, ma un incidente legato ad una errata manovra.
I carabinieri hanno infatti scoperto che, la sera precedente, un camionista, fermato alla guida del proprio mezzo in stato di alterazione alcolica era stato raggiunto dalla moglie, su richiesta dei militari, per spostare il camion.

La signora ha quindi spostato il camion furgonato e, facendo  retromarcia, ha colpito involontariamente la lastra di marmo, spezzandola in due. Il proprietario del furgone ha contattato il Comune la mattina successiva, spiegando l’accaduto. L’opera verrà rifatta e ricollocata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.