Quantcast

Decessi sospetti, chiesto il processo per Mosca

La procura di Brescia chiede il rinvio a giudizio per il medico di Montichiari accusato della morte di due anziani affetti da Covid.

(red.) La procura di Brescia chiede il rinvio a giudizio per Carlo Mosca , il medico cremonese, residente a Mantova ed ex primario del Pronto soccorso dell’ospedale di Montichiari (attualmente sospeso dall’incarico), accusato di duplice omicidio pluriaggravato e di falsificazione delle cartelle cliniche.
A morire due pazienti di 61 e 80 anni ricoverati per Covid e ai quali il professionista avrebbe somministrato farmaci letali.
L’uomo si trova ai domiciliari e per ben tre volte, prima dal gip, poi dal Riesame e poi dalla Cassazione, si è visto respingere il ricorso per la scarcerazione.
Il gup Alessandra Sabatucci ha già fissato per il prossimo 17 settembre la data dell’udienza preliminare.

Il medico, iscritto all’Ordine di Brescia (da cui è stato sospeso), dovrà difendersi dalle pesanti accuse a suo carico, ovvero quelle di avere deliberatamente inoculato un trattamento a base di succinilcolina e di Propofol a Carlo Bassi, 61 anni, di Ghedi, e a Angelo Paletti, 79 anni, di Isorella, deceduti rispettivamente il 20 e il 22 marzo 2020 .
I due medicinali sono somministrati quando è prevista l’intubazione, eventualità che non era stata prescritta ai due anziani poi deceduti.
A dare l’avvio alle indagini su questi decessi sospetti la denuncia di un infermiere che si era opposto alla somministrazione.
Il medico si è sempre professato innocente.

 

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.