Quantcast

Fa il bagno nel Chiese, 13enne in fin di vita

Il grave incidente a Nozza di Vestone. Il ragazzino era in compagnia di alcuni coetanei quando è avvenuta la tragedia.

(red.) Un malore mentre stava nuotando nel fiume Chiese, a Nozza di Vestone. Un 13enne di origini senegalesi, nella serata di lunedì 5 luglio, si trovava con alcuni amici coetanei nel tratto in cui il torrente Nozza confluisce nel fiume, all’altezza della passerella panoramica che affaccia sulla Valle Sabbia.

All’improvviso il ragazzino, che risiede con la famiglia a Mocenigo, ha iniziato ad annaspare: uno degli altri bambini ha tentato di raggiungerlo per farlo uscire dall’acqua, ma inutilmente. Le grida del gruppetto hanno attirato l’attenzione di un ciclista che è accorso e si è gettato in acqua riuscendo a trascinare a riva il 13enne. Sul posto sono intervenute due ambulanze: i soccorritori hanno subito effettuato le manovre salvavita, ma data la gravità delle condizioni del bambino, che non ha mai ripreso conoscenza, si è reso necessario l’intervento dell’eliambulanza da Brescia che ha trasportato il 13enne all’ospedale Papa Giovanni XIII di Bergamo.

Attimi di paura si sono vissuti anche a causa della scomparsa di un altro ragazzino del gruppo, per il quale si temeva fosse stato trascinato via dalla corrente del Chiese, ingrossato nelle ultime ore a cause della piogge caduta nel fine settimana. Fortunatamente il bambino, preso dal panico, si era solo allontanato dal luogo dell’incidente ed è poi stato ritrovato.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.