Quantcast

Gargnano, noleggiano un motoscafo da 150mila euro e lo fanno sparire

Venerdì due finti turisti della Lettonia hanno staccato il Gps e portato via un potente Frauscher dai cantieri Feltrinelli. Probabilmente si tratta di un furto su commissione.

Più informazioni su

(red.) Questa volta “l’audace colpo dei soliti ignoti”, è stato messo a segno tra le onde, quelle del lago di Garda per l’esattezza. Un motoscafo di lusso di marca Frauscher, modello 747 Mirage Air è stato preso a noleggio venerdì 2 luglio presso i cantieri nautici Feltrinelli di Gargnano da due (presunti) turisti dell’Est che sono riusciti a farlo svanire nel nulla.
I clienti, probabilmente affiliati a una banda di ladri esperti, hanno staccato il rilevatore Gps posizionato sul motoscafo per controllarne la posizione, l’hanno collegato con una batteria perché continuasse a emettere il suo segnale e l’hanno infilato in una scatola di plastica galleggiante sul lago. Da terra gli addetti del cantiere vedevano il segnale fermo e pensavano che i clienti avessero fatto una sosta per prendere il sole. Invece erano spariti con il motoscafo, che vale circa 150 mila euro ed è spinto da un motore Mercruiser 6.2Mpi a benzina da 350 cavalli.
Il natante avrebbe dovuto rientrare nel rimessaggio alle 18, quindi solo verso le 18,30 di venerdì, temendo che potesse essere capitato qualcosa, i Feltrinelli hanno raggiunto il segnalatore al largo di Pal del Vò davanti alla sponda veronese di Bardolino. L’imbarcazione era sparita e hanno potuto solo recuperato la scatola di plastica con il Gps.
Il colpo era stato preparato da settimane perché i due finti turisti, che avevano documenti della Lettonia e un telefono cellulare polacco, avevano già noleggiato un paio di volte lo stesso motoscafo nel mese di giugno. Venerdì si sono ripresentati prendendo il largo con il costoso Frauscher dal porticciolo privato del cantiere nautico.
Adesso si cercano due uomini, uno intorno ai 50 anni e l’altro più giovane. Indagano i carabinieri di Gargnano e la Guardia Costiera di Salò. I proprietari sperano che qualcuno abbia notato l’imbarcazione – che non passa certo inosservata – nel basso Garda, magari nei pressi di uno scivolo o una gru, per poi allontanarsi su un carrello stradale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.