Quantcast

Arresti per i disordini al Circo Massimo di Roma, anche un bresciano

Il giovane, conosciuto membro della tifoseria organizzata, ha incassato l'obbligo di firma alla Polizia giudiziaria.

(red.) C’è anche un bresciano tra quelli che ieri, martedì 20 aprile, sono stati raggiunti da una serie di arresti da parte della Digos di Roma per quanto accadde lo scorso giugno al Circo Massimo, nella Capitale. Gruppi di tifosi ed elementi di estrema destra si erano ritrovati in occasione di una manifestazione contro le misure anti-Covid e lanciando bottiglie e sassi contro le forze dell’ordine e i giornalisti.

Tra i responsabili c’è anche un 23enne di Chiari, già raggiunto in passato da un provvedimento di Daspo e noto alla Digos di Brescia. Per lui è scattato l’obbligo di firma.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.