Quantcast

Schiaffi e pugni ai controllori della metro, denunciati due giovani

Non hanno voluto esibire il biglietto e sono fuggiti dopo aver insultato e aggredito due dipendenti di Brescia Trasporti, finiti al Pronto soccorso. Sono stati identificati e deferiti dai carabinieri.

(red.) Hanno aggredito i controllori della metropolitana, rifiutandosi di esibire il biglietto (perché non lo avevano) e arrivando addirittura alle mani prima di allontanarsi cercando di far perdere le tracce. Così sono finiti nei guai due ragazzi di origine straniera di 22 e 23 anni che, nel pomeriggio di martedì 6 marzo,  non volevano pagare la multa per non aver acquistato il biglietto della metro.
Fermati dai controllori che stavano controllando i titoli di viaggio dei passeggeri che scendevano dal treno alla fermata di Brescia-Piazza Vittoria, i due giovani, incuranti delle richieste, hanno cercato di sottrarsi al controllo dirigendosi verso l’uscita della stazione. Ne è nata una discussione molto animata durante la quale i due controllori, un uomo e una donna, sono stati minacciati, aggrediti e colpiti con schiaffi e pugni da parte dei trasgressori i quali, dopo aver guadagnato l’uscita della stazione della metropolitana, sono fuggiti a piedi in compagnia di una ragazza.
Quando in via Giuseppe Verdi sono intervenuti  i carabinieri della compagnia di Brescia, chiamati tramite il 112, i controllori della società “Brescia Trasporti”, dopo essere stati soccorsi da alcuni colleghi, sono stati portati per le prime le prime cure  al pronto soccorso dell’ospedale “Città di Brescia”. Fortunatamente non hanno riportato gravi lesioni.
Le indagini condotte dai militari del Comando provinciale di Brescia, con l’analisi delle testimonianze raccolte e dei filmati estrapolati dalle telecamere di video-sorveglianza, hanno permesso di identificare gli autori della aggressione che sono sono stati denunciati in stato di libertà per lesioni personali, violenza a pubblico ufficiale, minaccia e rifiuto di indicare le propria identità personale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.