Quantcast

Breve fuga dalla comunità, tre ragazzi presi a Ospitaletto

Più informazioni su

(red.) Prima s’impossessano di un coltello dalle cucine della comunità che li ospita, poi rubano il portafoglio di un educatore di Manerbio che lavora nella loro stessa comunità e prendono la sua macchina, naturalmente senza permesso,  infine oppongono resistenza ai carabinieri che li fermano a Ospitaletto.
E’ finita davanti al giudice la fuga da una comunità di due sedicenni e di un altro giovane che aveva appena compiuto 18 anni. Individuati a Ospitaletto a bordo dell’auto rubata, hanno tentato anche di scappare dai militari che li avevano fermati, ma l’auto è stata bloccata al termine di un inseguimento conclusosi nei pressi del casello dell’autostrada. A quel punto i ragazzi si sono chiusi in macchina rifiutando il controllo, mentre quello che stava al volante tentava di ripartire. Un carabiniere, rompendo il finestrino, è però riuscito ad aprire le portiere.
Mercoledì mattina, durante il rito direttissimo, per il maggiorenne sono scattati gli arresti domiciliari, mentre i due minorenni sono stati rimandati in comunità.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.