Quantcast

Non risponde al giudice lo zio del 13enne di Montichiari

Più informazioni su

(red.) Interrogato dal gip del tribunale di Brescia questa mattina di martedì 6 aprile, si è avvalso della facoltà di non rispondere il 27enne di Montichiari che si trova incarcerato perché accusato di aver dato una pistola al nipote di 13 anni. Venerdì 2 aprile poco dopo le 20 nella frazione Chiarini, il ragazzino ha sparato al 31enne Manuel Poffa, rivale in amore dello zio, ferendolo alla spalla sinistra.
Il 27enne A.D.S. era collegato da remoto dal carcere di Brescia dove si trova con le accuse di concorso in tentato omicidio e detenzione di arma illegale. Il 13enne è stato tolto alla famiglia e affidato ai servizi sociali.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.