Quantcast

Video e foto pedopornografiche, Postale arresta un bresciano

Una segnalazione ha raggiunto la Postale di Venezia e da qui quella di Brescia. 1.500 contenuti scabrosi.

(red.) Nelle ore intorno a giovedì 10 dicembre la Polizia postale di Brescia ha arrestato un 30enne bresciano perché trovato in possesso di un’ingente quantità di video e fotografie di tipo pedopornografico. All’arresto si è arrivato nel corso di un’operazione condotta dalla procura di Brescia e dal Centro Nazionale per il Contrasto alla Pedopornografia Online del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni.

Tutto era partito dalla Polizia postale di Venezia che aveva ricevuto la segnalazione in commissariato da parte di un utente per materiali di pornografia minorile sul sito internet neozelandese Mega.nz. A quel punto i dati informatici di chi aveva caricato quel materiale hanno raggiunto la Postale di Brescia che ha disposto una perquisizione a carico del bresciano.

Tra i suoi dispositivi e account sono stati trovati 1.500 tra video e fotografie scaricate in alcune cartelle e che ritraevano bambine dai 10 ai 12 anni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.