Ricatta un ragazzo con foto piccanti: in manette 36enne

Tramite whatsapp pretendeva 700 euro da un giovane di 22 anni. Ma al momento della consegna è arrivata la polizia.

Più informazioni su

(red.) Un uomo di 36 anni è stato arrestato dalla Polizia di Brescia con l’accusa di estorsione per aver chiesto soldi, tramite whatsapp, ad un giovane di 22 anni. I fatti risalgono al 2 dicembre, quando il 36enne, di origine pachistana, ha minacciato la vittima di diffondere ai suoi familiari delle fotografie private in suo possesso, chiedendo, in cambio, 700 euro per non divulgare il materiale fotografico.

Il giovane, che non conosceva il suo estorsore, si è rivolto agli agenti della Squadra Mobile, che hanno subito avviato le indagini e, immediatamente, hanno effettuato delle verifiche in base alle indicazioni fornite dal denunciante, riuscendo ad accertare la veridicità della minaccia estorsiva e ad identificare il probabile autore del reato. Per far uscire allo scoperto il ricattatore, i poliziotti della Squadra Mobile hanno organizzato una consegna controllata del denaro.

Nel pomeriggio di giovedì, il ricattatore ha dato appuntamento alla vittima nei pressi della Stazione ferroviaria di Brescia, per farsi consegnare il denaro in cambio della cancellazione delle foto in suo possesso.
Al momento del passaggio di mano, però, sono comparsi gli agenti, che hanno identificato e fermato l’uomo e, successivamente, lo hanno tratto in arresto per estorsione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.